“Chiamata alle armi” per i sostenitori del Cardiocentro

“Chiamata alle armi” per i sostenitori del Cardiocentro

Maggio 28, 2018 - 22:54
Posted in:

Il Cardiocentro chiama a raccolta i suoi sostenitori.

Strabordava il Capannone di Pregassona per l’incontro con la popolazione convocato dall’associazione “Grazie Cardiocentro”, indetto per informare sui recenti sviluppi riguardanti la vertenza che vede contrapposta la struttura sanitaria luganese all’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e chiamare a raccolta i suoi sostenitori. Come noto l’Eoc è intenzionato a far rientrare sotto il suo cappello il Cardiocentro, in base alla convenzione del 1995 che prevede lo scioglimento della Fondazione nel 2020. Circa 1500 persone hanno dato seguito alla chiamata di Moccetti&Co. A Pregassona si sono viste le persone che da vent’anni sono vicine all’operato della Fondazione Cardiocentro. Dal palco del capannone a parlare sono stati, fra gli altri, il direttore sanitario del Cardiocentro, Tiziano Moccetti e  il coordinatore del gruppo di sostegno “Grazie Cardiocentro” Edo Bobbia. Più volte è stato ribadita la contrarietà alla proposta di mediazione arrivata con la lettera dell’Eoc. A parlare è stato anche l’ex consigliere di Stato Luigi Pedrazzini, che ha asserito che a suo avviso le condizioni per la validità della suddetta convenzione, sono mutate. Anche il sindaco di Lugano Marco Borradori ha portato il suo sostegno al Cardiocentro.
Non si sono visti al Capannone di Pregassona, probabilmente per altri impegn, esponenti storicamente vicini alla Fondazione Cardiocentro, come il presidente della Fondazione Cardiocentro Giorgio Giudici e Marina Masoni. All’incontro, a cui ha fatto seguito una ristorata offerta, c’erano invece i membri del Consiglio di fondazione del Cardiocentro, l’ex presidente Ppd Giovanni Jelmini e il granconisgliere della Lega Boris Bignasca, i granconsiglieri Ppd Lorenzo Jelmini e Nadia Ghisolfi, le granconisgliere della Lega Sabrina Aldi e Amanda Rueckert, la capogruppo in Consiglio comunale del Plr Karin Valenzano Rossi, il municipale Per Michele Bertini, il consigliere comunale della Lega di Lugano Lukas Bernasconi, il giornalista Marco Bazzi, Dante Moccetti, la presidente delle donne Ppd Cinzia Marini, il procuratore pubblico Nicola Respini, il consiglieri comunali dell’Udc di Lugano Tiziano Galeazzi e d Alain Buehler, e molti altri. Anche il vescovo emerito Pier Giacomo Grampa ha voluto presenziare all’evento.