Adesso Solari come farà a superarsi?

Adesso Solari come farà a superarsi?

Agosto 12, 2017 - 21:30
Posted in:

Palacinema, Gran Rex, polemiche "zittite". Solari sembra aver raggiunto tutti gli obiettivi...

Giovedì sera, sul palco del filmfestival è salita la presidente di TicinoModa, l'ex consigliera di Stato Marina Masoni. Il direttore del Festival, Carlo Chatrian, ha presentato l'unica consigliera di Stato nella storia del nostro cantone che da uscente non è riuscita a farsi rieleggere, nonostante il proprio partito non avesse perso seggi in Governo (Bervini e Caccia da uscenti non sono stati rieletti perché il proprio partito aveva perso un seggio in Governo!), come colei che in Consiglio di Stato volle Marco Solari alla presidenza del Festival di Locarno (vedi qui).
Sarà. Quello che noi ci ricordiamo è che appena entrata in Governo Marina Masoni, nel 1995 volle dare un cambiamento radicale all'allora Ente ticinese per il Turismo, che aveva visto Solari al vertice (per volontà di Dick Marti).
Masoni consegnerà il turismo ticinese a quel genio di Stinca. Poi sarà Laura Sadis a richiamare Solari per avere qualche consiglio per acquietare le polemiche dopo la gestione di Stinca.
 
 
**********
 
 
Il "Locarno Festival", come da quest'anno si chiama il Festival internazionale del cinema, volge alla conclusione.
Per Solari&co la 70esima edizione è stata quella dei traguardi.
Il francobollo e Piazza grande sui 20 franchi, tanto per iniziare. Ma soprattutto la Casa del Cinema inaugurata (che si è tornati a chiamarla Palazzo del cinema) e il cinema Rex rifatto. E voci danno anche il Rialto (vedi qui la nostra intervista a Morace) prossimo a subire un restyling per il Festival. "Zittite" le polemiche, troppo inflazionate due e tre anni fa, oggi il Festival di Solari gode di un trasversale consenso interpartitico che va dalla sinistra alla Lega, passando per il mondo cattolico.
L'uscita come main sponsor dell'Aet è stata sostituita da La Mobiliare.
Cantone e Confederazione finanziano il "Locarno Festival" come mai hanno fatto in passato. Il direttore operativo Mario Timbal se ne va, ma il sostituto è già stato trovato.
Insomma tutto è "instradato" per la 71esima edizione.
 
 
**********
 
 
E adesso Marco Solari come farà a superarsi? Questa è la vera domanda. Portato a compimento lo spinoso dossier delle strutture (Casa del cinema e cinema Rex), trovato (impresa per nulla scontata) un nuovo main sponsor che sostituisse l'azienda cantonale Aet, individuato un nuovo direttore operativo e implementato il prestigio del Festival con Piazza Grande raffigurata sui 20 franchi, che cosa si vuole fare di più?
 
 
**********
 
 
E allora noi azzardiamo.... e se a questo punto Solari gli rimanesse solo da individuare un suo degno sostituto?
I nomi possibili già oggi si sanno. L'ex consigliera di Stato socialista Patrizia Pesenti, che gode di molti contattti in Svizzera tedesca, da Ringier all'università di Lucerna, l'ex consigliera di Stato Plr Laura Sadis, amica da sempre del Festival e della cultura, oppure l'ex sindaco di Locarno Carla Speziali. Tre donne. O magari il consigliere nazionale Plr Giovanni Merlini. Il locarnese pipidino Luigi Pedrazzini ha già la Corsi, ma niente impedisce che potrebbe essere anche lui un papabile alla successione di Solari.
Ma a noi, in un'intervista dell'anno scorso, Marco Solari ci aveva detto che lui non stava pensando alla 70esima edizione, bensì alla 75esima.
Staremo a vedere. In ogni caso sarà difficile per Marco Solari riuscire a superarsi. Tutti gli obiettivi li ha portati a casa. Anzi a dire il vero il Festival si è espanso anche in altri settori, come la Rotonda, che poteva benissimo lasciare a terzi.