All'aperitivo del Gran Consiglio "manca il plenum"

All'aperitivo del Gran Consiglio "manca il plenum"

Agosto 10, 2018 - 22:50
Posted in:

Mercoledì si è tenuto il tradizionale ricevimento del Gran Consiglio al Festival del Film.

Un aperitivo un po' "snobbato" quello del Ricevimento del Gran Consiglio di mercoledì. Se molti erano i granconsiglieri giunti, prima al Palazzo del Cinema per la parte ufficiale, e poi, un po' più numerosi, per la parte più conviviale alla Magistrale, il loro numero è stato decisamente inferiore a quello degli scorsi anni, anche se maggiore di quello dell'aperitivo d'apertura. In compenso nel catering si è notato un netto miglioramento.

Anche da Palazzo Governativo, si sono visti solo in tre, i consiglieri di Stato Manuele Bertoli, Christian Vitta e Norman Gobbi.

Naturalmente presente la presidente la presidente del Gran Consiglio Pelin Kandemir Bordoli, che al Palacinema ha parlato davanti ai suoi colleghi (vedi qui il discorso)

Fra le presenze "extra-Gran Consiglio", vi erano, fra gli altri, il direttore della Rsi Maurizio Canetta, il sindaco di Locarno Alian Scherrer, quello di Muralto Stefano Gilardi, il cancegliere Coduri, il sindaco di Lugano Marco Borradori, la municipale Cristina Zanini Barzaghi, il rettore dell'Usi Boas Erez, il direttore dell'IRE (Istituto di Ricerche economiche) Rico Maggi, il conisigliere comunale della Lega Marco Bortolin, il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi, ... "New entry" al ricevimento del gran consiglio la giovane futura candidata al Consiglio di Stato per il Ps Laura Riget, con la consigliera nazionale Marina Carobbio. Presente anche il direttore dell'ente turistico cantonale Elia Frapolli e il presidente di quello di Locarno Aldo Merlini, come pure il segretario del Plrt Andrea Nava.

Da Palazzo delle Orsoline si son visti fra gli altri i liberali radicali Giovanna Viscardi, il presidente del Plrt Bixio Caprara, Alessandra Gianella, Walter Gianora, Fabio Käppeli, Giorgio Pellanda, Nicola Pini, Marcello Censi, Giacomo Garzoli, Matteo Quadranti, i leghisti Borsi Bignasca, Amada Rueckert, Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Lelia Guscio, Mauro Minotti, Giancarlo Seitz (e la "fuoriuscita" dal gruppo leghista Patrizia Ramsauer), i socialisti Henrik Bang, Ivo Durisch, Milena Garobbio, Bruno Storni, Gianrico Corti, Tatiana Lurati Grassi e Daniela Ghirlanda Puglio, i pipidini Lorenzo Jelmini, Fabio Battaglioni, Sabrina Gendotti, Nadia Ghisolfi, Alex Pedrazzini, Luca Pagani, Marco Passalia, i Verdi Francesco Maggi e Tamara Merlo, per La Destra gli Udc Tiziano Galeazzi e Lara Filippini e Segio Morisoli di Area Liberale, e il granconsigliere di Montagna Viva Germano Mattei. Insomma, se ci fosse stato da votare, il plenum non sarebbe stato raggiunto...