Anche a Bellinzona "Trump non è benvenuto"

Anche a Bellinzona "Trump non è benvenuto"

Gennaio 15, 2018 - 11:46
Posted in:

Una manifestazione per protestare contro l'arrivo del presidente Usa a Davos è stata indetta nella capitale cantonale per il 23 marzo.

"Trump Not Welcome". Trump non è benvenuto. Anche in Ticino l'arrivo del presidente Usa Donald Trump non piace a tutti. Per martedì 23 gennaio alle 18.30 nel piazzale antistante la stazione FFS di Bellinzona, è stata convocata una manifestazione "contro la venuta di Trump in Svizzera, nel quadro della giornata d’azione nazionale", come si apprende da un appello pubblicato sul sito del Movimento per il socialismo (Mps) di Giuseppe Sergi e Matteo Pronzini.

"Il prossimo 23 gennaio Donald Trump parteciperà al World Economic Forum (WEF) di Davos. Accolto dal Consiglio federale, il suo arrivo in Svizzera deve essere considerata una vera e propria provocazione", si legge nell'appello.

"È proprio in questo Forum, il WEF, dove si pianificano l'accaparramento privato della maggior parte delle ricchezze, i tagli alla spesa pubblica, la deregolamentazione delle condizioni di lavoro in tutto il mondo, la dittatura dei mercati, che egli cerca una legittimità e una rispettabilità che persino i suoi pari gli negano ...".

L'appello critica Trump, che, secondo i prmotori "ha fatto del disprezzo delle donne la sua filosofia politica", nega  "l'emergenza climatica, ignora persino le evidenze scientifiche al solo scopo di consentire all’industria fossile statunitense di continuare i propri affari e minaccia ancora di più la natura", "erige muri contro gli immigrati e crea barriere doganali razziste al movimento degli esseri umani", "mina il diritto internazionale riconoscendo Gerusalemme come capitale d'Israele", ...

"No, Donald Trump non è né rispettabile né legittimo: Donald Trump è un nemico dell'umanità!", conclude l'appello. "Invitandolo, il WEF se ne fa complice" e "accogliendolo, il governo svizzero si prostra ai suoi piedi!".