Arriva il Vero social: si paga

Arriva il Vero social: si paga

Marzo 01, 2018 - 16:51

Vero è un social media che senza pubblicità.

Si chiama "Vero" e negli Stati Uniti in questi giorni, in tema di social media, non si parla di altro. Nato nel 2015, solo di recente ha ottenuto un'enorme popolarità. La piattaforma, è disponibile per Android e iOS, ed ha una caratteristica principale (o perlomeno così sostiene): non vuole trasformare gli utenti in un target pubblicitario da vendere agli inserzionisti. Ovviamente i soldi da qualche parte si devono fare, e così come contropartita Vero chiede un abbonamento da pagare. "Vero" è stato fondato dal trio composto dal milionario libanese Ayman Hariri, l’impresario cinematografico Motaz Nabulsi e dal venture capitalist Scott Birnbaum. "I nostri abbonamenti ci consentono di mantenere la pubblicità fuori da Vero e di focalizzare soltanto sulla migliore esperienza social, invece di trovare nuovi modi di monetizzare i comportamenti degli utenti o tentando di riportarli sull’app con notifiche continue", spiega lo stesso social network.
Fra le altre cose Vero vede anche la visualizzazione dei post in ordine cronologico, caratteristica che da Facebook e Twitter manca da parecchio tempo, sostituita dagli algoritmi (e dal pagamento in cambio di visualizzazioni), e quattro distinti tipi di rapporto fra utenti: amici stretti, amici, conoscenti e follower.