A Bellinzona un po' di neve manda in tilt la viabilità. Il Ps Ticino compatto? Non sui pacchetti

A Bellinzona un po' di neve manda in tilt la viabilità. Il Ps Ticino compatto? Non sui pacchetti

Dicembre 12, 2017 - 06:56
Posted in:

La neve manda in tilt il Bellinzonese, il "pacchetto" il PS Ticino. Il Municipio ha fatto la scelta giusta sulle Officine.

Quattro fiocchi di neve e il bellinzonese va in tilt! Branda&co sempre molto bravi nel promuovere le attività ricreative, fanno un po' cilecca quando si tratta di garantire i servizi minimi di un comune come i cala neve.
Lunedì per ore alla mattina fra sale e spazzaneve se n'è visto poco per le strade della Turrita e del contado aggregato.
Dopo che la neve aveva attecchito sul manto stradale ecco i servizi del comune si sono arresi alla neve e al ghiaccio.
Fra lunedì e martedì per tutta la notte sono rimasti in funzione i cala neve per rimuovere tutto e riportare la viabilità del bellinzonese ad un livello di decenza.
Forse non sarebbe stato necessario far lavorare così tanto i calaneve di notte, se ci si fosse svegliati prima ad intervenire.
D'altronde come gestiscono la neve nel luganese e nel locarnese, anche il bellinzonese potrebbe adeguarsi.
 

**********

 

Oltre la neve, ieri il Municipo di Bellinzona è "scivolato" sulle Officine Ffs. Noi non vediamo nulla di negativo di trasferire fuori centro città le Officine, ma la questione è di che centro di competenze e polo industriale stiamo parlando. Bastava andare alla serata del Mps in cui Frizzo e Cozzaglio spiegavano cosa è realmente accaduto in questi anni alle Officine, per capire che qui siamo davanti ad una presa in giro (leggi qui).
Branda&co, secondo noi, dovevano mantenere un profilo basso e non trasformarsi nel front men del progetto di Meyer. Scelta sbagliata.
 
 

**********

 

A ricevere la granconsigliera Bosia Mirra al Bavarese di Bellinzona (vedi qui), domenica c'era una parte della sinistra (l'altra no). Certo c'era la consigliera nazionale Marina Carobbio, ma mancavano i "bertoliani", mancavano i giovani socialisti, ma c'erano molti "cani sciolti". Certo c'è chi scrive su qualche media che il Ps Ticino è molto compatto.
Vedremo domenica a Camorino fra sostenitori della linea del vertice cantonale del Ps Ticino che vuole referendum sul pacchetto fiscale-sociale e chi punta a sostenere quel pacchetto, tanto caro al consigliere di Stato Manuele Bertoli, magari puntando alla libertà di voto.
Sta di fatto che il Ps Ticino non è compatto e dopo più di un decennio di strapotere di Bertoli sul partito, ora potrebbe andare in minoranza.