Cassis è tornato a casa. Da mercoledì si inizia a lavorare

Cassis è tornato a casa. Da mercoledì si inizia a lavorare

Ottobre 29, 2017 - 14:34
Posted in:

Anche Sessa, il Comune Malcantonese di cui è originario Ignazio Cassis, ha festeggiato oggi la sua elezione in Consiglio federale.

Oggi Sessa ha festeggiato l'elezione in Consiglio federale di Ignazio Cassis. Proprio nel paese in cui Ignazio Cassis è cresciuto si è chiuso il periodo dei festeggiamenti dopo la sua elezione nel Governo svizzero lo scorso 20 settembre. Il primo novembre, il giorno di Ognissanti, fra meno di 72 ore, Ignazio Cassis entrerà ufficialmente in funzione quale consigliere federale responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri. 

Come dichiarato dallo stesso Cassis parlando davanti ai numerosi suoi compaesani e alle autorità politiche presenti (fra cui numerosi sindaci del Malcantone e il consigliere di Stato Paolo Beltraminelli), spera che la coincidenza con il giorno dei Santi sia di buon auspicio per il periodo sicuramente ricco di sfide che sta per iniziare. Sfide che tuttavia, ha detto il consigliere federale, difficilmente riusciranno ad eguagliare in quanto ad emozione quella dell'accoglienza riservatagli dai suoi compaesani di Sessa. 

La mattinata è iniziata con il corteo che ha accompagnato il consigliere federale fino alla Piazza da Sóra di Sessa, dove si è tenuta la parte ufficiale dei festeggiamenti, con i discorsi del sindaco di Sessa Sergio Antonietti e del sindaco di Monteggio Piero Marchesi. 

Ignazio Cassis prendendo la parola ha voluto ricordare la sua infanzia a Sessa, dove gli unici due svaghi erano, ha detto, la Chiesa e la Banda, e quando mai si sarebbe immaginato di diventare consigliere federale. A quel tempo il suo sogno, ha detto, era di fare il macchinista del treno Lugano-Ponte Tresa. Ora Ignazio Cassis sarà alla guida delle relazioni estere della Confederazione. Un compito in cui gli sarà utile, ha detto, l'attitudine per l'ascolto imparata anche suonando da giovane nella banda del Paese.