Con i cambimenti climatici, si mageranno fichi d'India

Con i cambimenti climatici, si mageranno fichi d'India

Gennaio 20, 2018 - 06:00

Fra i cibi del futuro un posto se lo sarebbero ritagliati i fichi d'India.

Con una popolazione globale che supererà i nove miliardi di persone entro il 2050 anche le nostre abitudini alimentari sono destinate a mutare. Negli ultimi periodi si è fatto molto parlare di insetti, ma uno dei cibi del futuro più promettensti è l'Opuntia ficus-indica, meglio noto come fico d'India. Efficienza idrica, resistenza all'inquinamento atmosferico e proprietà nutrizionali, sono caratteristiche che renderanno questa pianta sempre più frequente sulle nostre tavole. A sostenerlo è un volume realizzato per conto della Fao, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. "Il merito è del suo particolare metabolismo", spiega il suo autore, Paolo Inglese, "in qualche modo invertito rispetto alle piante tradizionali: apre infatti i suoi stomi durante la notte, effettuando gli scambi gassosi necessari per la fotosintesi quando le temperature sono più miti e l'umidità è maggiore, e corre quindi meno rischi di perdere liquidi a causa dell’evaporazione. È inoltre in grado di incamerare l’acqua in eccesso nelle sue pale, e di sopravvivere anche con precipitazioni sporadiche".