Il Caffè: niente derby alla Rsi. Sono le squadre che incassano troppo?

Il Caffè: niente derby alla Rsi. Sono le squadre che incassano troppo?

Settembre 10, 2017 - 10:00
Posted in:

Il Caffè svela alcuni retroscena della vicenda dei diritti sui derby di hockey, che la Rsi non trasmetterà.

Toccateci tutto ma non il derby. La notizia che sicuramente ha fatto di più scaldare gli animi nel nostro Cantone è quella che la Rsi non trasmetterà le partite della Lega Nazionale di hockey fra l'Ambrì Piotta e il Lugano. Il nuovo detentore dei diritti sulle partite, Upc Cablecom, ha chiesto un prezzo troppo alto per i diritti dei derby e la Rsi ha scelto di non acquistarli. 

Il Caffè oggi tratta l'argomento in diversi articoli, svelando alcuni retroscena della trattativa. Secondo informazioni raccolte dal domenicale, riportate in un articolo a firma di Patrizia Guenzi, Upc avrebbe chiesto un milione di franchi per i diritti di trasmissione delle sei partite stagionali fra le due formazioni ticinesi. Milione che sarebbe raddoppiato per aggiunte al contratto, legate in particolare alla trasmissione via web degli eventi sportivi. 

La somma richiesta dal nuovo detentore dei diritti televisivi sulla NHL non sarebbe però tutta farina del sacco di Upc Cablecom. L'aumento dei costi per i diritti televisivi sugli eventi sportivi è una tendenza che si osserva non  solo nell'hockey e anche al di fuori dalla Svizzera. 

"Quello che preoccupa maggiormente è la crescita dei costi fuori da ogni logica", dichiara al domenicale Enrico Carpani, responsabile dello Sport Rsi. "Intendiamoci: un certo aumento è forse indispensabile per alimentare il sistema, ma dovrebbe essere più lineare ed equilibrato. Queste esplosioni improvvise hanno tutta l’aria di essere figlie di una bulimia che ha le caratteristiche dell’avidità". "Prendiamo ad esempio la Lega hockey, che è ovviamente espressione della volontà delle squadre" prosegue Carpani "Con il nuovo accordo, ha fatto un affare incredibile, al di là di ogni aspettativa. Non biasimo questa scelta, ma le conseguenze vanno assunte da tutti gli attori in gioco".