Il Mattino: "maretta" liberale sulla maxi-perquisizione?

Il Mattino: "maretta" liberale sulla maxi-perquisizione?

Settembre 10, 2017 - 11:50
Posted in:

Il Mattino nella sua edizione odierna ritorna sull'imponente operazione di polizia presso la discoteca Choco-late di Lugano.

 

Sul Mattino della Domenica tiene ancora banco la vicenda della maxi-perquisizione effettuata la scorsa settimana presso la discoteca Choco-late di Lugano, che ha visto coinvolti una cinquantina di agenti della polizia comunale e delle guardie di confine. Il Mattino si interroga sul fatto che l'intervento della polizia si stato proporzionato (il motivo del controllo sarebbe stato il superamento della capienza del locale, che avrebbe in numero massimo di 200 persone, ma al momento del controllo ne teneva 270). In occasione del controllo sono stati effettuati anche controlli anti-droga, e un giovane avrebbe subito una perquisizione integrale da parte degli agenti. 

L'episodio è anche l'occasione per il Mattino di evidenziare una nuova "maretta in casa liblab". Infatti dalle colonne del Corriere del Ticino, ricorda il domenicale, l'ex vicesindaco Plr, nonché ex capodicastero polizia Erasmo Pelli, critica ironicamente il suo successore, il Plr Michele Bertini. " Un po’ più pericoloso sembra l’andare in discoteca", scriveva Pelli sul Corriere, "perché quando meno te lo aspetti potresti trovarti letteralmente in mutande circondato da una cinquantina di uomini armati ed in divisa (…). A qualcuno, che non ha mai amato “Miami Vice”, tremano ancora le gambe (…). Poiché l’autorità comunale, per bocca del vicesindaco (Michele Bertini), ha comunicato che i controlli continueranno, il popolo della notte dovrà armarsi di pazienza e di documenti, nel caso incappasse ancora in un’irruzione stile “stiamo cercando El Chapo!".