La sinistra avanza a scapito del Ppd

La sinistra avanza a scapito del Ppd

Maggio 06, 2018 - 15:56
Posted in:

Si teneva oggi il secondo turno delle elezioni per il Consiglio di Stato di Ginevra.

Il Ppd perde un seggio a scapito del Ps nel Consiglio di Stato di Ginevra. Si tentava oggi il secondo turno delle elezioni cantonali nel Cantone romando. L’esito del voto ha visto l’esclusione dal governo del Ppd Luc Barthassat e l’entrata del socialista Thierry Apothéloz.
L’asse Plr-Ppd perde così la maggioranza nell’esecutivo del Catone, che ora conta 2 esponenti Plr, 2 socialisti, un Ppd e un Verde, oltre all’esponente del Mouvement Citoyens Genevois Mauro Poggia.
Proprio Poggia, che potrà ora essere "l’ago della bilancia" nell’esecutivo ginevrino, si è posizionato primo in termini di voti ricevuti, con 48’806 preferenze, secondo solo al consigliere di Stato Plr Pierre Maudet, che aveva raggiunto la maggioranza assoluta già nel primo turno del 15 aprile e evitato così il ballottaggio. Il suo era l’unico dei 7 seggi del Governo ginevrino ad essere già stabilito dopo il primo turno.
In seconda posizione il Ppd Serge Dal Busco con 47’896 voti, seguito dal Verde Antonio Hodgers (46’732 voti), dalla Plr Nathalie Fontanet (43’485 voti) e dalla socialista Anne Emery-Torracinta (42’252 voti). Sesto posto al neo eletto Thierry Apothéloz (Ps), con 42’071 voti, che ha superato l’escluso Luc Barthassat (Ppd), fermatosi a 9’370 voti di distanza.