La strage dei pinguini: su 18'000 sopravvivono in due

La strage dei pinguini: su 18'000 sopravvivono in due

Novembre 03, 2017 - 06:00

Il cambiamento climatico causa sempre più spesso delle morie nelle cucciolate di pinguini di Adelia.

Si tratta secondo gli scienziati di una vera catastrofe. In una colonia che accoglie 40'000 pinguini di Adelia, sull'isola di Petrels in Antardide, solo due cuccioli sono soppravissuti sui 18'000 nati. 

Un evento di simili proporzioni non si era mai visto, anche se sempre più spesso negli ultimi anni le cucciolate erano state colpite da grandi morie. Il responsabile è il cambiamento climatico. Lo scioglimento dei ghiacci, le piogge sempre più frequenti, ma anche l'estensione del ghiaccio di mare in alcune aree, costringono i genitori a compiere viaggi sepre più lunghi alla ricerca del krill, i piccoli crostacei di cui si nutrono. Sempre più spesso al loro ritorno i cuccioli sono già morti.

Per di più, nelle stesse regioni, potrebbero anche presto arrivare i pescatori. Ambientalisti e scienziati sperano ora di riuscire a ottenere dalla  Commissione per la conservazione delle risorse marine antartiche (CCAMLR) la costituzione di un'area arina protetta.