Pagine

La Svizzera sta sottovalutando la 'ndrangheta?

La Svizzera sta sottovalutando la 'ndrangheta?

Ottobre 13, 2015 - 06:10
Posted in:

All'Hotel de la Paix si discute di riciclaggio e criminalità organizzata con esperti svizzeri e italiani.

Venerdì sera all'Hotel del la Paix, a Lugano, si è tenuta una conferenza, organizzata dall'’Associazione Amici delle Forze di Polizia svizzere, che ha riunito magistrati e esperti di criminalità. Quali relatori erano infatti presenti Nicola Gratteri, procuratore aggiunto presso il Tribunale di Reggio Calabria, Antonio Nicaso, professore universitario e coautore dei libri Nicola Gratteri, Pierluigi Pasi, già capoprocura presso il distaccamento di Lugano del Ministero pubblico federale, il procuratore pubblico Andrea Pagani e Stiliano Ordolli, Capo dell’Ufficio in materia di riciclaggio di denaro della polizia federale. A Moderare la serata c'era il consigliere nazionale Marco Romano. La conferenza è stata l'occasione per avere un confronto internazionale sull'adeguatezza delle norme legali svizzere per quanto riguarda la prevenzione dei reati finanziari, in particolare quelli collegati alle grandi organizzazioni criminali. A tal proposito è risultato abbastanza  chiaro il monito lanciato da Gratteri: secondo il magistrato le attuali norme legali svizzere non sono adeguate ad affrontare con efficacia il diffondersi della criminalità organizzata, in particolar modo per quanto riguarda le inflitrazioni delle mafie nel tessuto economico.
Fra i presenti all'Hotel de la Paix c'erano il giudice Mauro Ermanni, il granconsigliere leghista Giancarlo Seitz e il consigliere comunale PLR di Lugano Peter Rossi. Presenti pure i candidati al Consiglio nazionale Mixaris Bianchera-Pérez Concepcion ed Evarsito Roncelli per il Partito socialista e Alberto Togni per il PC.