L'informazione politica fa crescere La7

L'informazione politica fa crescere La7

Maggio 29, 2018 - 06:00

La sete d'approfondimento politico fa impennare gli ascolti di La7.

Nella vicina Penisola la tensione è alta per lo scontro istituzionale che ha visto protagonista suo malgrado il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dopo il no a Paolo Savona quale ministro dell’economia e la conseguente “sparata” di Luigi Di Maio, che ha chiesto l’impeachment del Capo dello Stato.
Se a farne le spese dello scontro consumatosi domenica è stato lo spread (è il costo del debito per le casse pubbliche), salito ieri sopra i 230 punti, a beneficiarne è stato l’audience di La7.
Nella stessa sera la trasmissione “Non è l’arena” su La7 di Massimo Giletti ha segnato un picco di 2 milioni e 485mila spettatori, con uno share del 13,5%, più del doppio della puntata della settimane precedente.
Non è andata bene invece a Fabio Fazio su Rai 1. Non è bastata la telefonata in diretta di Di Maio (in cui ha punto chiesto l’impeachment per Mattarella). Lo share è stato del 14.3% rispetto al 14,8 della settimana prima.
Il risultato de La7, commenta Repubblica.it, è stato probabilmente merito anche “dell'eccezionale traino costituito dalla Maratona Mentana, che ha accompagnato gli spettatori in cerca di approfondimento politico dal pomeriggio fino al tg della sera”.