Miliardi aggrappati ai conti di Apple

Miliardi aggrappati ai conti di Apple

Luglio 31, 2018 - 20:23
Posted in:

Un crollo di Apple, dopo quelli di Netflix e Facebook, rischia di trascinare a picco tutto il settore dei titoli tecnologici Usa.

Le "big" della tecnologia, dopo una prima metà dell'anno positiva, sono andate in contro ad una battuta d'arresto con la presentazione dei conti trimestrali di Facebook e Netflix.
Per il social media più diffuso al mondo a far cadere il titolo ha pesato il risultato di crescita degli utenti in rallentamento, sotto le attese degli analisti (ha raggiunto 2,23 miliardi di utenti al posto dei 2,25 attesi), oltre all'"affaire" Cambridge Analytica (vedi qui). Per il servizio di contenuti video in streaming era stato il numero degli abbonati (una crescita di 5,2 milioni contro 6,2 previsti, per un totale di 130 milioni di iscritti totali) ha determinare il crollo del titolo.
Così l'indice Faang+ (che raggruppa Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google, oltre ad alcuni titoli tech cinesi) è crollato del 10% in pochi giorni, come osserva Il Sole 24 Ore. Anche il Nasdaq di Wall Street (l'indice dei titoli tecnologici) riuslta "sul filo del rasoio: tutto sembra appeso ai conti della società più grande del mondo, Apple, che diffonderà i dati sulla trimestrale stasera dopo la chiusura di Wall Street", osserva il quotidiano della Confindustria italiana. Se Apple presentasse anch'essa risultati sotto le attese tutto il comparto tecnologico statunitense rischierebbe una "doccia fredda". "Le vendite sono appena iniziate - spiega Mike Wilson di Morgan Stanley in una comunicazione ai clienti citata dal "Sole" - e rischiano di avere un impatto particolarmente negativo per i portafogli troppo esposti su tecnologia e small cap".