Sui rimborsi forse una Cpi. Niente sorprese su Prima i nostri

Sui rimborsi forse una Cpi. Niente sorprese su Prima i nostri

Febbraio 22, 2018 - 07:02
Posted in:

Il Gran Consiglio boccia la legge d'applicazione di Prima i Nostri. La Gestione valuterà una Cpi sul caso dei rimborsi del Consiglio di Stato.

Archiviato il dossier della nomina del Procuratore generale (Pg) il Gran Consiglio si è riunito ieri per esprimersi su due importanti temi.
Dopo il non luogo a procedere del pg John Noseda sulla vicenda dei rimborsi spesa del Consiglio di Stato (le indagini erano partite in seguito alla segnalazione del deputato Mps Matteo Pronzini), che tuttavia non manca di criticare l'operato del Governo, il Parlamento ha deciso di non ricorrere alla Corte dei reclami sulla decisione del pg, ma ventila la possibilità di istituire una Commissione parlamentare di inchiesta (Cpi). Sarebbe la seconda di questa legislatura, dopo quella sullo scandalo Argo 1. La proposta è arrivata dalle fila del Ppd, dal capogruppo Maurizio Agustoni, che aveva inizialmente chiesto che il Legislativo deliberasse subito sulla proposta, optando poi per dare mandato alla commissione della Gestione di avviare un esame preliminare della materia e valutare se sia o meno il caso di istituire una Cpi. Il Gran Consiglio ha sostenuto a larghissima maggioranza (con nessun voto contrario) il mandato alla Gestione di redigere un rapporto preliminare.
Ieri il Gran Consiglio ha anche bocciato la Legge d'applicazione dell'iniziativa popolare "Prima i nostri", schierandosi con il rapporto di maggioranza uscito dalla Commissione speciale e sostenuto da Plr, Ppd, Ps, che evidenziavano l'incompatibilità con il diritto superiore del testo di legge. A proporre l'approvazione della Legge d'applicazione era invece il rapporto di minoranza sostenuto da Lega e Udc. Con 44 voti contro 32 il Gran Consiglio ha deciso di seguire il rapporto di maggioranza.