Trasporto ferroviario: la politica arriva sempre in ritardo?

Trasporto ferroviario: la politica arriva sempre in ritardo?

Luglio 08, 2018 - 14:35
Posted in:

L’Astuti (Associazione ticinese degli utenti dei trasporti pubblici) lo scorso giovedì ha criticato il nuovo orario 2019 delle FFS, denunciando un ulteriore peggioramento dei collegamenti, soprattuto con il Mendrisiotto. A parlarcene è il presidente dell’Astuti, sezione Ticinese dell’associazione svizzera Pro Bahn, Fabio Canevascini.

Fabio Canevascini, l’Astuti lamenta una certa trascuranza nel piano orario delle FFS verso il Medrisiotto. Come mai?
Mancano dei collegamenti serali a Sud di Lugano. Ci anche tempi di attesa troppo lunghi per le coincidenze, sia verso Sud che verso Nord nelle stazioni di Mendrisio e di Lugano. Questo è un problema soprattuto nelle serate invernali.
 
Il Ticino non è Zurigo. Mettendosi nei panni delle FFS non è chiedere un po' troppo che in una realtà tutto sommato periferica come il Ticino non vi siano tempi di attesa di venti minuti?
È chiaro che il Zurigo è una realtà e il Ticino è un'altra. Un tempo di attesa di un quarto d'ora fra Lugano e Mendrisio rimane però troppo lungo. Il vantaggio portato dall'apertura della galleria di base del Gottardo viene così “bruciato”. Per fare un esempio il treno che parte alle 19.32 da Zurigo ferma a Lugano, dove chi è diretto a Mendrisio deve scendere. Poi lo steso treno continua vuoto fino a Chiasso. Questo non è molto comprensibile.
 
Voi vi siete schierati a favore del prolungamento di Apltransit a Sud di Lugano. A giugno la consigliera federale Doris Leuthard, a capo del Datec (Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni) ha dichiarato che non vi è la necessità di inserire quest'opera nella strategia di ampliamento dell'infrastruttura ferroviaria 2030/2035. La politica ticinese si è fatta sufficientemente sentire a Berna?
La politica ticinese su questo argomento, come su altri, in particolare su quello degli orari ferroviari, dovrebbe essere più presente al momento giusto, quando si può ancora intervenire. Quando è stato presentato il piano 2030/35 la presenza da parte ticinese era limitata. Bisogna intervenire al momento giusto. Non dico che sia facile,  ma è inutile intervenire a gennaio dicendo che bisogna modificare l'orario. A quel punto è troppo tardi e si mettono in difficoltà le FFS. Bisogna agire subito.
 
In Ticino quali sono ora le priorità per il trasporto ferroviario?
Adesso è attivo il collegamento con Malpensa e la ferrovia si sta assestando. All'inizio vi erano stati diversi disagi per gli utenti. Ora il focus deve essere sull'apertura della galleria di base del Ceneri fra due anni. Alla fine del 2020 vi sarà il nuovo orario. Si devono prevedere ora quali potranno essere le possibili problematiche. Ora c'è ancora il tempo per intervenire. Astuti si mette a disposizione. Non vogliamo solo criticare, ma anche aiutare a trovare i punti critici.
 
Per quanto riguarda il progetto di tram-treno del Luganese che posizione avete?
Non ci siamo ancora espressi. Siamo un po' divisi al nostro interno.