Trovato Lombardi si mangia... le costine

Trovato Lombardi si mangia... le costine

Giugno 17, 2018 - 06:20
Posted in:

Il Ppd di Lugano venerdì ha organizzato una grigliata al Capannone di Pregassona.

Lasciato alle spalle l’anno scolastico, chiusosi per molti alunni venerdì (i maturandi andranno avanti fino a fine mese) per i popolari democratici della Città sul Ceresio è stata l’occasione per concedersi una serata all’insegna dello svago con una grigliata di fine anno. Archiviata la delicata sostituzione del dimissionario Emilio Bianchi nel cda dell’aeroporto (Lasa), dove la sezione guidata da Angelo Petralli ha saputo convincere un “peso da novanta” come Filippo Lombardi ad accettare la candidatura nel cda di Lasa (preferito al consigliere nazionale Marco Romano), il Ppd di Lugano ha portato in un venerdì molto caldo oltre 100 persone (grossomodo 150) al Capannone di Pregassona, “sfamandole” con costine, luganighetta, bratwurst e cervelat, magistralmente preparati da una truppa “intergenerazionale” di grigialitori.
Così alla grigliata dei popolari democratici, con il presidente sezionale Angelo Petralli a fare gli “onori di casa”, si sono visti il consigliere di Stato Ppd Paolo Beltraminelli, con la figlia Anna, consigliera comunale di Lugano, i granconisglieri Ppd Sara Beretta Piccoli, Lorenzo Jelmini, Alex Pedrazzini, il capogruppo popolare democratico in Consiglio comunale a Lugano Michel Tricarico, il presidente del “petalo” (sezione) di Bré del Ppd Gianluca Marcoli, la consigliera comunale Benedetta Bianchetti, il già granconsigliere Carlo Luigi Caimi, il già candidato al consiglio nazionale per il ppc Michele Moor (nonché ex presidente della sezione di Lugano dell’Udc) e molti altri.
Ora sotto il caldo finalmente arrivato in Ticino, dopo la pioggia delle ultime settimane, il Ppd di Lugano, e soprattutto la sua Commissione cerca, potrà trovare la serenità per il lavoro di selezione dei candidati in vista della tornata elettorale che prenderà avvio con le cantonali di aprile 2019, proseguirà con le elezioni federali in autunno, ma soprattutto si concluderà con le comunali dell’aprile 2020.