Un "bancario" alla presidenza dei liberali di Lugano? Viscardi, lasciata la presidenza arriva la vicepresidenza?

Un "bancario" alla presidenza dei liberali di Lugano? Viscardi, lasciata la presidenza arriva la vicepresidenza?

Maggio 24, 2018 - 13:10
Posted in:

Dopo le dimissioni in seguito al "mobbing" dei "grandi vecchi", Giovanna Viscardi potrebbe approdare nel 2019 alla presidenza del Legisativo luganese. Chi è il misterioso bancario?

All'aperitivo liberale di giovedì scorso all'Asilo Ciani a Lugano, tutti lo mormoravano. Scese le quotazioni di Tobiolo Gianella per succedere a Giovanna Viscardi alla presidenza della sezione Plr di Lugano (anche se c'è chi ci dice che i fratelli di squadra e compasso lo vedono bene e che rimane uno dei favoriti), tutti parlattovano di un'altra opzione: un bancario, fuori dal consiglio comunale e che lavoro oltre S.Gottardo. Il nome? Nessuno lo dice.
Chi sarà mai questo bancario (o banchiere?), che è fuori dalla mischia che dovrebbe condurre la sezione Plrt di Lugano verso la vittoria, la riconquista del sindacato e il sorpasso sulla Lega?
Quello che è certo è che Bertini-Valenzano con Pessina, Fulvio Pelli, Ivan Weber &co, probabilmente la prossima volta prima di fare un gran pressing per mandare a casa la Viscardi, dovrebbero preoccuparsi di avere già in tasca il nome del successore. Perché a quanto sembra non c'è propriamente la fila per prendere il posto della Viscardi.
 
 

**********
 
 

E Giovanna Viscardi cosa farà da grande? Si vedrà. Intanto nel prossimo Consiglio comunale, quando si nominerà il nuovo presidente del legislativo di Lugano, la "pasionaria" tanto "indomabile" quanto amata, dovrebbe essere eletta vicepresidente del Consiglio comunale di Lugano, dunque, a meno di qualche sgambetto, diventerà presidente del legislativo luganese nell'anno 2019-2020. E poi? Appunto vedremo. Ma per il Plrt di Bixio Caprara sarebbe un colpaccio se per le elezioni cantonali 2019 candidasse proprio la Viscardi al Consiglio di Stato. Un "duello" Viscardi-Farinelli potrebbe essere la carta vincente dei liberali per riconquistare il secondo seggio in Governo. Entrambi luganesi, uno più di background liberal-liberista, avrebbe tutto il partito che tiferebbe per lui, mentre l'altra abbastanza fuori dagli schemi e con uno spirito liberal-libertario, raccoglierebbe molti consensi fuori dalla cerchia ristretta del partito, pescando voti dalla Lega al Ps. Se poi a questi due nomi di peso, si affiancherebbero il vicepresidente cantonale Gaffuri, probabilmente il volto migliore che i liberali dispongono nel Mendrisiotto (dopo ovviamente a Samuele Cavadini, che comunque sarà concentrato a Mendrisio per i prossimi anni) e nel Locarnese da un Alessandro Speziali, che è stato nel 2015 molto vicino alla candidata Plr al Consiglio di Stato di allora (e che dunque può contare sulla restituzione del favore), ma che sicuramente può contare sul sostegno di Carla Speziali e dell'influente famiglia Merlini, ecco che il Plr, potrebbe giocarsela bene.
Poi non è detto che a perdere sia la Lega. Infatti Ppd e Ps Ticino non se la passano benissimo. Anzi potremmo anche prevedere che dopo quasi 30 anni, questo cantone torni alla formula di Governo 2+2+1. C'è solo da capire chi sarà il partito che perderà il seggio.