Un mare colorato a Lugano

Un mare colorato a Lugano

Giugno 02, 2018 - 20:22
Posted in:

Migliaia di persone hanno presenziato oggi al Pride a Lugano.

La pioggia non ha funestato la festa dell’orgoglio gay oggi a Lugano. Migliaia di persone, seimila secondo gli organizzatori, hanno partecipato oggi al Pride di Lugano.
Il corteo, evento cardine della settimana di iniziative ed eventi in difesa dei diritti delle persone LGBT, è partito dal LAC di Lugano, per percorrere il Lungolago fino al Campo Marzio, al villaggio del Pride dove si sono tenuti i discorsi ufficiali, fra cui quello del consigliere federale Ignazio Cassis.
Alla testa del corteo, assieme al comitato organizzatore del Pride 2018, c’erano il sindaco di Lugano Marco Borradori e i municipali Roberto Badaracco e Cristina Zanini Barzaghi, oltre all'ex parlamentare italiana Vladimir Luxuria, la prima persona transgender ad essere eletta in un parlamento europeo.
Presenti al corteo e al villaggio, animato dopo i discorsi dai concerti, c’erano anche il consigliere di Stato Manuele Bertoli, la presidente del Gran Consiglio Pelin Kandemir Bordoli (che ha parlato dal palco prima di Cassis e dopo gli interventi di Borradori e Badaracco).
Anche altri volti noti del Cantone hanno voluto presenziare al Gay Pride. A Lugano si sono visti fra gli altri Chiara Orelli, l’esponete della gioventù socialista Gabriele Bolckau, i già “leader” del  Partito del Lavoro Sonia e Norberto Cerivelli, il regista Niccolò Castelli, i consiglieri comunali del Ps di Lugano Carlo Zoppi e Tessa Prati, la consigliera comunale dell’Mps di Bellinzona Angelica Lepori, e anche il granconisgliere della Lega Boris Bignasca e il segretario della Lega Andrea Censi si sono visti a Campo Marzio, e molti altri che hanno voluto presenziare all'evento.