Usura bancaria: indagato il ministro

Usura bancaria: indagato il ministro

Luglio 20, 2018 - 19:17
Posted in:

Il ministro italiano Paolo Savona risulterebbe sotto indagine per usura bancaria.

Figurerebbe anche il nome dell’attuale ministro degli Affari europei italiano Paolo Savona fra gli indagati nell’ambito di un’inchiesta per usura bancaria aperta dal pubblico ministero Rossana Venditti a Campobasso, come si legge su Il Sole 24 Ore. I fatti sono relativi a quando Savona era ai vertici di Unicredit.
Savona, nominato ministro degli Affari europei nel governo di Giuseppe Conte sostenuto da Lega e Movimento 5 Stelle (M5S), era stato al centro, a maggio, dell’impasse istituzionale che aveva visto scontrarsi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e i leader di Lega e M5S Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Savona era stato proposto quale ministro dell’economia, scelta che vedeva contrario Mattarella.
Fra i 23 indagati figura anche Alessandro Profumo, oggi amministratore delegato di Leonardo (ex Finmeccanica) ed ex presidente della Banca Monte dei Paschi di Siena, nonché amministratore delegato di Unicredit. Il nome di Savona, come quello di Profumo, “risulta presente dell'atto della Procura della Repubblica di Campobasso relativo alla richiesta di proroga dei termini di durata delle indagini preliminari nell'inchiesta relativa ai parchi eolici di Molise, Puglia e Campania”, si legge sul quotidiano della Confindustria italiana. “L’inchiesta su tassi usurai parte dalla denuncia di una società che in passato ha realizzato, appunto, parchi eolici. I fatti sono riferiti al periodo 2005-2013”.
“È un’indagine che già conoscevamo”,  ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, “è un atto dovuto nei suoi confronti quando era all’Unicredit”. “Detto questo, come sempre, se conoscevamo già un'indagine e abbiamo scelto Savona, si va avanti”, ha detto.
“La giustizia faccia velocemente il suo corso perché penso che Paolo Savona sia una delle persone più pulite, corrette e oneste di questo Paese”, ha invece detto il vicepremier Salvini.