2021: disavanzo di 230,7 milioni di franchi per il Cantone

2021: disavanzo di 230,7 milioni di franchi per il Cantone

Ottobre 01, 2020 - 13:31
Posted in:

Il Consiglio di Stato ha approvato il preventivo 2021 del Cantone. Esso prevede a causa della crisi un disavanzo di 230,7 milioni di franchi. 

Il Consiglio di Stato ha approvato il preventivo 2021 del Cantone. Preventivo che, dato il momento di crisi, prevede un impoortante disavanzo d’esercizio, pari a  230,7 milioni di franchi. Lo ha comunicato oggi il Consiglio di Stato. *Il preventivo 2021 è stato elaborato in un periodo di generale incertezza per quanto concerne l’evoluzione economica e i suoi impatti sulle finanze pubbliche*, scrive il Consiglio di Stato in un comunicato stampa. "Sarà quindi necessario un monitoraggio costante della situazione". 

"Il preventivo 2021 del Cantone presenta un disavanzo d’esercizio determinato soprattutto dalla crisi sanitaria che si è manifestata in modo imprevisto e repentino a partire dalla fine del primo trimestre del 2020 e che comporterà un importante disavanzo nel 2020 come illustrato dal recente preconsuntivo", spiega il Governo. "Il risultato d’esercizio si attesta a -230.7 milioni di franchi e l’autofinanziamento a -22.4 milioni di franchi, pari a un grado di autofinanziamento del -8.7%. Considerato un onere netto per investimenti di 258.5 milioni di franchi, il risultato complessivo risulta pari a -280.8 milioni di franchi. A fine anno, il debito pubblico dovrebbe pertanto superare l’importo di 2.2 miliardi di franchi". 

"L’impatto della crisi economica conseguente alla pandemia", si legge nel comunicato del Governo, "si manifesta in modo importante sul fronte dei ricavi con una riduzione rilevante dei gettiti di competenza delle persone fisiche e delle persone giuridiche. A influenzare negativamente le entrate, evidenziamo anche il rinvio al 2022 dell’entrata in vigore della tassa di collegamento".

"La spesa corrente cresce soprattutto a seguito dell’incremento delle spese di trasferimento, in particolare nei settori della sanità e della socialità, per i quali i servizi competenti oggi non possono ancora prevedere le dinamiche di crescita dovute agli effetti della crisi pandemica in atto, e nel settore dei trasporti pubblici. Accanto alla crescita nel settore delle spese di trasferimento, si registra anche un aumento consistente delle spese per il personale, in gran parte riferito al personale docente".

"Assieme al preventivo 2021, il presente messaggio presenta il piano finanziario 2022-2024 che integra i nuovi oneri che entreranno in vigore nel 2021 per un valore di circa 4.3 milioni di franchi per i quali, considerata la situazione critica delle finanze cantonali, sono state fissate delle priorità dai singoli dipartimenti. Le conseguenze della crisi si manifesteranno in modo importante sulle finanze pubbliche cantonali verosimilmente anche nei prossimi anni. Ciò avrà come diretta conseguenza un progressivo peggioramento della solidità del bilancio del Cantone e del debito pubblico".

"Il Governo, data l’eccezionalità della situazione, propone con il presente messaggio una sospensione di un parametro del vincolo finanziario, quello relativo al limite massimo di disavanzo ammissibile. Questa situazione richiede l’avvio dei lavori per definire un’azione di intervento che permetta una progressiva riduzione degli importanti disavanzi d’esercizio che si prospettano e ritrovare quindi l’equilibrio dei conti sul medio termine. Occorre infatti evitare che si crei un importante disavanzo strutturale, come indicano le proiezioni attuali di piano finanziario. Ciò richiede un intervento attivo della politica".