6 luglio: C'era una volta Morricone

6 luglio: C'era una volta Morricone

Luglio 06, 2021 - 14:19

Il 6 luglio del 2020 ci lasciava il grande Ennio Morricone, autore di alcune delle più celebri colonne sonore del Cinema. Le musiche della "trilogia del dollaro" (Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo) e della "trilogia del tempo" (C'era una volta il West, Giù la testa, C'era una volta in America) di Sergio Leone, le più celebri del compositore sono indelebilmente entrate nell'immaginatrio collettivo italiano, sono entrate indelebilmente nell'immaginario collettivo, ma quella con il "papà" del western non è stata sicuramente l'uncica con grandi registi del compositore romano. 

Lo scorso anno lo avevamo ricordato con un nostro contributo e un'intervista video dell'archivio Luce a Morricone, che oggi vi riproponiamo. 

Lo scorso 6 luglio è morto Ennio Morricone, compositore e direttore d'orchestra, particolarmente apprezzato per il suo lavoro nel cinema, quale compositore di colonne sonore.

La prima esperienza di Morricone nel mondo del cinema avvenne nel 1961, con la colonna sonore del film Il federale, di Luciano Salce. Quella tra Salce e Morricone fu una collaborazione che durò negli anni.

La grande notorietà di Morricone, però, arrivò con i cosiddetti spaghetti western, e in particolar modo con i lavori eseguiti per l'ex compagno di scuola, Sergio Leone. Morricone scrisse la musica per le pellicole più significative della cinematografia di Leone: Per un pugno di dollari (1964) Per qualche dollaro in più (1965), Il buono, il brutto, il cattivo (1966), C'era una volta il West (1968), Giù la testa (1971) e C'era una volta in America (1984). 

Morricone, però, lavorò anche con altri grandi registi, italiani e non: Ettore Scola, Pier Paolo Pasolini, Mario Monicelli, Carlo Verdone, Giuseppe Tornatore, ma anche John Carpenter, Brian De Palma, Roman Polanski, Oliver Stone, Quentin Tarantino.

Per ricordare Morricone, in questa puntata di Amarcord vi proponiamo un'intervista, nella quale il compositore racconta la sua esperienza nel cinema.

 

TM