Anche da noi si saprà dove sono i focolai? C'è chi dice mesi, c'è chi dice anni...

Anche da noi si saprà dove sono i focolai? C'è chi dice mesi, c'è chi dice anni...

Marzo 26, 2020 - 19:12
Posted in:

Ad un mese dal voto sull'aeroporto non sappiamo ancora se si terrà. In Ticino dove sono i focolai? Le previsioni sulla durata della pandemia danno poche certezze. 

Le autorità bernesi hanno presentato il sito www.covidtracker.ch, realizzato da alcuni ricercatori in collaborazione con il Dipartimento della sanità del Cantone e il Politecnico federale di Zurigo, che ha lo scopo di localizzare i focolai di coronavirus in Svizzera. Il sito si basa sulle informazioni che possono inserire gli stessi utenti, sia positivi al test, che non, e prevede la compilazione di un modulo anonimo. Questo perché finora, ha spiegato il Dipartimento di sanità bernese in un comunicato, finora mancava una raccolta di informazioni geografiche sulla diffusione del virus. In effetti, se per quanto riguarda l'Italia oramai i nomi di Codogno, Castiglione d’Adda, ecc. quali focolai del virus sono subito stati resi noti, in Svizzera le informazioni geografiche sono più scarne (perlomeno quelle fornite al pubblico). Ad esempio quali sono le regioni/comuni più colpiti dal contagio in Ticino? Ad ora non è dato sapersi, ma le voci ovviamente circolano comunque. Magari, anche per evitare che circolino informazioni erronee, sarebbe il caso di renderle pubbliche...

 

 

**********

 

 

Ad un mese dalla votazione dal 26 aprile sull'aeroporto non sappiamo ancora se si farà o meno e se un eventuale (e a questo punto probabile) annullamento della votazione comporterà anche il fallimento dell'aeroporto. Infatti in caso di annullamento sarebbe necessario un sostegno finanziario a Lasa (Lugano Airport Sa) per permetterle di arrivare fino alla nuova votazione. C'è chi dà la battaglia persa in partenza in caso di annullamento del voto, come il sindaco di Lugano della Lega Marco Borradori e il Mattino della domenica, altri invece, come la presidente di AvioTicino Roberta Passardi, il consigliere nazionale Marco Romano, ma anche fra gli oppositori dei crediti allo scalo, pensano che si possa permettere all'aeroporto di arrivare fino a una nuova votazione con un sostegno “ponte”. Vedremo come si procederà. Certo è che, come dimostrano le misure giustamente intraprese in Ticino per contenere il virus, magari non propriamente "in linea" con il diritto federale, in questa situazione d'emergenza sarà la volontà politica a prevalere. 

 

 

**********

 

 

Quanto durerà la crisi (quella sanitaria) del coronavirus ancora non lo sappiamo. Gli studi e i dati provenienti dalla scienza e dagli esperti sono in costante evoluzione (e ogni tanto contraddittori). Il capo della Divisione delle malattie trasmissibili dell'UFSP Daniel Koch interpellato dalla SRF ha ipotizzato che la situazione potrà rientrare verso l'inizio dell'estate. I ricercatori dell'Imperial College di Londra, in uno studio (vedi qui), ragionano invece su scenari che vanno fino ai prossimi due anni per la Gran Bretagna (con la reintroduzione periodica di misure di contenimento). In Cina sono state rimosse le misure di contenimento nella provincia di Hubei, all'epicentro della diffusione del virus (e dove ora i nuovi casi di contagio provengono dall’estero). Oggi in Italia la ministra dell'istruzione Lucia Azzolina ha detto che "si tornerà a scuola se e quando, sulla base delle indicazioni degli esperti, le condizioni lo consentiranno", aprendo la strada per la prima volta alla possibilità che non si torni in aula nell'anno scolastico 2019/2020 e negli scorsi giorni sempre in Italia si era molto discusso dell'ipotesi che le misure di contenimento durino fino al 31 luglio, poi smentita dal premier Conte. 

In ogni caso, si può dare per quasi certo, che la crisi economica che seguire quella sanitaria durerà molto di più.