Antenne, che dilemma. Nessuno le vuole, ma intanto il telefono non va

Antenne, che dilemma. Nessuno le vuole, ma intanto il telefono non va

Maggio 27, 2019 - 10:17
Posted in:

Il caso di Carona, oggetto di un’interrogazione a Lugano. Per il Municipio senza nuove antenne la situazione non migliorerà.

Mentre di questi tempi molto si parla delle antenne per il nuovo standard di telefonia mobile del 5G, anche le “vecchie” antenne telefoniche continuano a vivere momenti difficili. Il Municipio di Lugano ha recentemente risposto all’interrogazione dei Consiglieri comunali Lukas Bernasconi, Enea Petrini, Lucia Minotti e Luca Cattaneo, che lamentavano una situazione discriminante per i cittadini di alcuni quartieri riguardo alla scarsa qualità della copertura della rete mobile, che causa sovente irreperibilità e interruzione delle conversazioni.
A tal proposito nella risposta all’interrogazione il Municipio riferisce di essere “informato dei disservizi che si riscontrano particolarmente in tre Quartieri” e che “nei casi specifici ha anche coinvolto le rispettive commissioni di quartiere per l’identificazione di eventuali siti privati, disposti ad ospitare l’impianto di potenziamento. Come facilmente desumibile i riscontri positivi sono praticamente nulli”. 
Nella risposta il Municipio informa pure che anche la Swisscom, gestore della rete, afferma che “la situazione a Carona ci è nota da anni ma purtroppo i nostri sforzi per trovare un proprietario disposto a mettere a disposizione un fondo o uno stabile per l’edificazione di un nuovo impianto per la comunicazione mobile si sono sempre rivelati vani”.
In sostanza, scrive il Municipio, la sola soluzione al problema è l’edificazione di nuove antenne, ma “una volta identificato il sito per l’istallazione di una nuova antenna l’operatore deve inoltrare alla Divisione edilizia privata una domanda di costruzione che, come tale, è impugnabile. Diritto che in genere viene esercitato, innescando procedimenti che comportano lunghi orizzonti temporali”.
Insomma, l’ultima parola spetta ai cittadini...