Assange: dal Governo inglese via libera all'estradizione

Assange: dal Governo inglese via libera all'estradizione

Giugno 13, 2019 - 12:43
Posted in:

Il ministro degli esteri ha dichiarato di aver dato il suo consenso all'estradizione. La decisione definitiva spetta ora a un giudice.

L'estradizione della Gran Bretagna agli Usa per Julian Assange si fa un po' più vicina. Il ministro degli esteri inglese Sajid Javid ha reso noto oggi di aver firmato la richiesta di estradizione del Dipartimento di Giustizia americano. Il fondatore di Wikileaks, il sito che ha pubblicato numerosi dossier riservati, fra cui i file segreti sugli abusi Usa in Iraq, è stato arrestato lo scorso aprile dalle autorità britanniche, dopo sette anni passati nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra quale rifugiato politico. Assange si era rifugiato nell'ambasciata dell'Ecuador dopo il mandato di cattura internazionale emesso nei suoi confronti per le accuse di stupro mosse dalla magistratura svedese in seguito alla denuncia di due donne. Le accuse nei suoi confronti erano cadute lo scorso anno. Il Dipartimento di Giustizia Usa lo ha però incriminato per l'hackeraggio dei computer governativi in relazione alle guerre in Afghanistan e Iraq.
“Ora la parola è al tribunale”, ha affermato il ministro Javid. “Ma Assange è giustamente dietro le sbarre, c’è una legittima richiesta di estradizione e io l’ho firmata. Vogliamo che sia fatta giustizia”. Domani si terrà la prima udienza davanti ai giudici per decidere se Assange può essere estradato. Contro Assange sono attualmente pendenti 18 capi d'imputazione. Wikileaks sostiene che una volta negli Usa potrebbe essere anche chiamato a rispondere delle accuse di spionaggio e violazione di segreti di Stato, accuse che comporterebbero una pena di gran lunga più dura.