Assange non può essere estradato

Assange non può essere estradato

Gennaio 04, 2021 - 12:31
Posted in:

I giudici inglesi si sono espressi sulla richiesta di estradizione per l'attivista australiano giunta dagli Stati Uniti, dove rischia fino a 175 anni di carcere per spionaggio. 

Julian Assange non può essere estradato negli Stati Uniti per affrontare le accuse di spionaggio e di pirateria informatica. A dirlo, come riporta il Guardian, sono i giudici inglesi chiamati ad esprimersi sulla richiesta di estradizione negli Stati Uniti dell’attivista e fondatore di Wikileaks, che oltreoceano è stato incriminato per spionaggio e potrebbe rischiare fino a 175 anni i carcere. La sentenza è stata letta dal giudice distrettuale londinese Vanessa Baraister.

Nel 2010 e nel 2011 Wikileaks pubblico centinaia di documenti riservati inerenti le guerre in Afghanistan e Iraq che documentavano crimini di guerra e violazioni dei diritti umani commessi dalle forze alleate (prevalentemente statunitensi) nei due Paesi. I procuratori Usa accusano Assange di aver aiutato l'analista della difesa statunitense Chelsea Manning a violare la legge sullo spionaggio degli Stati Uniti, di essere stato complice di hacking da parte di altri e di aver pubblicato informazioni riservate che hanno messo in pericolo gli informatori. Assange ha sempre ribattuto di non aver complottato con Manning per “crackare” una password criptata sui computer americani e afferma che non ci sono prove che la sicurezza di nessuno sia stata compromessa. La difesa di Assange ha sempre considerato l’accusa nei suoi confronti politicamente motivata dal fatto di aver pubblicato documenti del governo degli Stati Uniti che hanno rivelato prove di crimini di guerra e violazioni dei diritti umani.

Ora è probabile che sulla alla sentenza sull’estradizione giunga un ricorso da parte dei statunitense, riporta sempre il Guardian.

Assange è incarcerato in Gran Bretagna dall’aprile del 2019, quando era stato espulso dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove si era rifugiato sette anni prima per evitare l’estradizione in Svezia, dove era stato accusato di violenza sessuale, accusa smentita e archiviata dalla magistratura svedese.