Buoni propositi per il nuovo anno? "Rimandateli a Primavera"

Buoni propositi per il nuovo anno? "Rimandateli a Primavera"

Gennaio 01, 2020 - 08:06

Se vi prefiggete di cambiare vita il momento migliore non è l'inizio dell'anno, ma la Primavera. 

Mettersi a dieta, iscriversi a una palestra, oppure cambiare abitudini, dedicare tempo a un hobby o a persone che avete trascurato. Qualunque sia il buon proposito per l'anno successivo, meglio iniziare a Primavera. Parola di Tim Bono, docente di Scienze psicologiche e cerebrali nell'arte e nelle scienze presso la Washington University di Saint Louis. Stando all'esperto, citato dall'Ansa, certi cambiamenti di stili di vita infatti hanno più probabilità di successo se fatti a primavera. 
Secondo l'esperto infatti l'Inverno può rappresentare uno svantaggio per la "rinascita" personale. "Forse dobbiamo disabituarci dell'idea che il primo gennaio sia il momento migliore per prendere decisioni", dice Bono.  "Gennaio è probabilmente il mese più difficile dell'anno per cambiare comportamento - osserva - il tempo può essere proibitivo. E se ad esempio l'obiettivo è fare una corsa all'aperto, potrebbero esserci freddo e neve da affrontare”. Insomma, il rischio è quello di desistere dal seguire i buoni propositi, e come sappiamo il fallimento non fa altro che ridurre ulteriormente la motivazione.  "Uscire dalle festività natalizie lascia molte persone sfinite. Per non parlare del raffreddore, dell'influenza e di altri virus che girano in inverno", dice Bono. 
Invece la Primavera è sempre il momento in cui si cambia, non solo per gli esseri umani:  "Gli animali in letargo si svegliano, le piante germogliano e quindi - si chiede Bono - perché non usare questo momento per un rinnovamento personale?".