C'è chi aspetta la pioggia... Il sonno della ragione genera mostri

C'è chi aspetta la pioggia... Il sonno della ragione genera mostri

Marzo 30, 2020 - 11:40
Posted in:

Lunedì 30 marzo. Questa notte la pioggia è tornata a cadere sul Ticino ("c'è chi aspetta la pioggia, per non piangere dal solo", cantava De André... Parole particolarmente aderenti al clima di oggi, visto che in Ticino si sono superati i 100 morti legati al coronavirus), dopo diverso tempo che le precipitazioni erano scarne (resta in vigore il divieto di accendere fuochi all'aperto). Anche il mese di marzo è agli "sgoccioli". Un mese che è il primo trascorso in Ticino interamente sotto "l'ombra" del coronavirus, dove il primo caso è stato accertato a fine febbraio. Un mese che doveva essere dedicato, sul fronte politico, in gran parte alla campagna elettorale per le elezioni comunali, e a quella sulla votazione sull'aeroporto (si attendono ancora notizie sul rinvio), e invece è stato caratterizzato dalle notizie e dalle preoccupazioni riguardanti la diffusione del virus e un radicale cambio delle nostre abitudini di mobilità e socializzazione.

Vedremo cosa ci riserverà il mesa di aprile. Oramai però non sembrano molti quelli convinti che la situazione possa rientrare prima di inizio estate, anzi. Magari il caldo rallenterà la diffusione del virus (ma di certezze su questo fronte pare proprio non ce ne siano). Ma in ogni caso, al di la dell'emergenza sanitaria, dopo ci sarà da fare il bilancio dei danni economici (e sociali) e affrontare quella che si prospetta come una delle più gravi crisi da dopo la Seconda guerra mondiale. 

Oggi ricorre anche l'anniversario della nascita di due importanti pittori. L'olandese Vincent Van Gogh, nato il 30 marzo del 1853, e lo spagnolo Francisco Goya, nato il 30 marzo del 1746.

Di quest'ultimo, visti i tempi, ci rifacciamo al monito del suo celebre "Il sonno della ragione genera mostri".