Caso Navalnyj: bloccare il Nord Steam 2?

Caso Navalnyj: bloccare il Nord Steam 2?

Settembre 06, 2020 - 17:03
Posted in:

Per il ministro degli esteri tedesco la vicenda dell'oppositore russo avvelenato potrebbe avere conseguenze sul gasdotto che collega la Russia all'Europa. 

"Spero che i russi non ci costringano a ripensare la nostra posizione su Nord Stream 2”. A dirlo è il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas, in relazione alla vicenda dell’oppositore russo Aleksej Navalnyj, che, stando ai medici tedeschi che lo hanno in cura, è stato avvelenato con il Novitchok, un agente nervino sviluppato dall’Unione sovietica.

In un’intervista pubblicata sulla versione domenicale del Bill il ministro degli esteri tedesco ha definito quanto avvenuto a Navalnyi  "un crimine perfido" e "una lesione pesante degli accordi internazionali sulle armi chimiche”. Secondo Maas la tossina in questione "è accessibile solo a un ristrettissimo gruppo di persone" e in passato "è stata in possesso delle autorità russe". Dunque gli indizi che puntano sul Cremlino, "sono numerosi”. Il ministro socialdemocratico apre anche la porta a possibili ritorsioni sul progetto di gasdotto che collega la Russia al Mar Baltico e che permetterà di portare il gas russo all’Europa, ormai completo al 90%, pur ricordando che un congelamento del progetto avrebbe conseguenze dannose per le imprese tedesche ed europee. Finora i socialdemocratici si erano dimostrati riluttanti all’ipotesi di ritorsioni riguardanti il Nord Steam 2. Anche dalla Cdu della cancelliera Angela Merkel si sollevano voci che chiedono di intervenire su questo fronte. Per ora la cancelliera continua a difendere il progetto.