Chi di sms ferisce...

Chi di sms ferisce...

Aprile 19, 2019 - 13:43
Posted in:

Emergono nuovi sms a scaldare gli animi nella vicenda Cardiocentro. Questa volta è quello di Edo Bobbià al granconisgliere Giovanni Pagani, dello scorso 28 febbraio.

Nuovi sms scaldano gli animi nella vicenda del Cardiocentro. Questa volta l'sms è quello inviato da Edo Bobbià, coordinatore del gruppo "Grazie Cardiocentro", all'allora granconsigliere Plr Giovanni Pagani lo scorso 28 febbraio. Lo stesso Pagani, non rieletto nella tornata elettorale dello scorso 7 aprile, ha scritto ieri una lettera all'Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, in cui segnala un "un grave evento di cui sono stato oggetto ma che, in generale, intacca le nostre istituzioni e il loro funzionamento", secondo quanto riferisce Tio. Dopo la discussione in Commissione sanitaria sulla ricevibilità dell'iniziativa lanciata dai sostenitori del Cardiocentro, il 28 febbraio appunto, Pagani avrebbe ricevuto da Bobbià, scrive Tio, il seguente sms: "Caro Giovanni, si sta diffondendo molto velocemente la notizia che stamane hai votato contro la ricevibilità dell'iniziativa sul Cardiocentro. Non ho capito il senso del tuo no. Purtroppo non ti sarà indolore a livello di consensi elettorali, specie nel Luganese ma non solo. La settimana prossima lo comunicheremo ai nostri 2400 sostenitori. Mi dispiace. Cordialmente Edo".
Interpellato dalla Rsi, Bobbià, spiega così il senso del messaggio: "Pagani si era raccomandato a me per l'elezione in Gran Consiglio e si era anche raccomandato per far parte delle persone che noi avremmo indicato come persone o parlamentari vicini alla causa del Cardiocentro", dice Bobbià. "Quindi da una parte mi dice che è dei nostri e poi, dall'altra, in commissione mi vota contro o si astiene.... la reazione può essere giusta o sbagliata ma ci deve essere".