Covid-19. Anche la Svezia ci prova, ma l'approccio "light" sembra avere le ore contate

Covid-19. Anche la Svezia ci prova, ma l'approccio "light" sembra avere le ore contate

Marzo 26, 2020 - 20:54
Posted in:

Anche la Svezia aveva finora adottato misure più blande per fronteggiare la diffusione del cornavirus. L'aumento esponenziale dei casi negli ultimi giorni potrebbe però far cambiare rotta. 

Dopo la Gran Bretagna, che ha già fatto marcia indietro, anche la Svezia sembrava intenzionata ad intraprendere un approccio meno draconiano rispetto ad altri Paesi nel fronteggiare la crisi del coronavirus. 

Fino a ieri la maggior parte degli uffici erano aperti e i mezzi pubblici delle principali città nelle ore di punta erano pieni. I provvedimenti si limitavano alla chiusura delle università e delle scuole dai 16 anni su e al divieto di assembramenti oltre le 500 persone. "Non si possono varare misure draconiane che hanno un impatto limitato sull'epidemia ma abbattono le funzioni sociali", ha dichiarato il ministro della Sanità Johan Carlson, pur ammettendo che il numero di morti "salirebbe in modo significativo in caso di un dilagare dell'epidemia e di sovraccarico delle strutture sanitarie". Le forze armate hanno predisposto ospedali da campo per far fronte a un futuro aumento dei casi, ma nel complesso le misure sono state molto più limitate rispetto agli altri Paesi europei.

Tuttavia nelle ultime ore la situazione sembra essere precipitata. Il numero di decessi e di contagi da cornavirus ha iniziato a salire esponenzialmente negli ultimi giorni, seguendo quanto già visto in altri Paesi europei. In particolare il numero di decessi è passato dai 27 di lunedì ai 66 di oggi, di cui 41 a Stoccolma. I contagi hanno superato i 2’000.

Stando alla stampa svedese ora il Governo starebbe lavorando a dei piani per isolare la capitale dal resto del Paese, nel tentativo di prevenire la diffusione del virus in altre regioni del Paese finora non toccate, anche in vista delle vacanze di Pasqua, dove molte persone si spostano dalla capitale verso le loro case di vacanza.