Diritti hockey: multa da 30 milioni per UPC

Diritti hockey: multa da 30 milioni per UPC

Ottobre 20, 2020 - 13:04
Posted in:

La COMCO ha multato UPC per aver abusato della posizione dominante nel mercato dei diritti delle partite di hockey. 

La Commissione della concorrenza (COMCO) ha inflitto ad UPC una multa di circa 30 milioni di franchi nell’ambito dell’acquisto dei diritti televisivi delle partite di hockey. Lo comunica oggi la COMCO in un comunicato. “Nel 2016 UPC ha acquisito i diritti televisivi per le partite del campionato svizzero di hockey su ghiaccio”, si legge. “Per anni si è rifiutata di permettere a Swisscom di trasmettere in diretta l'hockey su ghiaccio. Questo rifiuto è considerato illecito ai sensi della legge sui cartelli”, scrive la COMCO.

“UPC ha acquisito i diritti esclusivi di trasmissione delle partite del campionato svizzero di hockey su ghiaccio per gli anni dal 2017 al 2022. Di conseguenza è dominante nel mercato della trasmissione in diretta delle partite di hockey su ghiaccio sulla pay-TV”.

Secondo la COMCO “UPC ha abusato di questa posizione dominante sul mercato, in quanto ha negato a Swisscom qualsiasi offerta per la trasmissione di hockey su ghiaccio in diretta fino all'estate del 2020. Tramite questo comportamento UPC ha ostacolato in modo illecito Swisscom nella concorrenza”.

“Già nel maggio del 2016 la COMCO aveva sanzionato Swisscom in un precedente procedimento per dei comportamenti simili riguardanti la trasmissione di sport in diretta (calcio e hockey su ghiaccio)”, ricorda la commissione della concorrenza. “La COMCO conferma così la sua posizione in merito valutazione di rifiuti illeciti di relazioni commerciali”.

La decisione della COMCO può essere ora impugnata davanti al Tribunale amministrativo federale.