Dopo la manifestazione dei giovani puliscono le vetrine imbrattate

Dopo la manifestazione dei giovani puliscono le vetrine imbrattate

Giugno 06, 2021 - 19:57
Posted in:

Un gruppo di giovani presenti ieri alla manifestazione, oggi ha pulito parte delle scritte lasciate sui muri...

Una manifestazione pacifica e senza particolari incidenti quella di ieri a Lugano in difesa dell’autogestione, che ha visto scendere in piazza diverse migliaia di persone. Unico episodio problematico sono stati alcuni atti di vandalismo, in particolare una cinquantina di scritte sui muri, vetrine e bus (oltre a una vetrata infranta). Episodi da cui il corteo si era distanziato e che sono stati anche al centro di alcune tensione fra i manifestati e i gruppetti di persone mascherate autori delle scritte. La polizia ha comunicato oggi che sono in corso accertamenti per individuare gli autori dei vandalismi e che alcuni di essi sono già stati identificati e verranno denunciati al ministero pubblico.

Già nella giornata di ieri alcuni ragazzi presenti alla manifestazione avevano deciso di pulire due bus imbrattati dalle scritte, come avevamo documentato (vedi qui). Oggi le operazioni di pulizia, per così dire, sono proseguite. Una decina di ragazzi hanno infatti deciso di ripercorrere il percorso della manifestazione e pulire le scritte lasciate ieri. Si sono pulite le scritte sui vetri e superfici metalliche, mentre per quanto riguarda i muri, per ovvie ragioni, la pulizia risulta più problematica. Come ci spiega Ursin Andres, uno degli organizzatori dell’iniziativa, la polizia, che inizialmente sembra aver dato un parere negativo per la pulizia di superfici su sedimi privati, poi ha lasciato proseguire le operazioni. “All’inizio dicevano di no, ma poi ci hanno lasciato continuare”, ci dice Andres.

Ma come è nata l’idea? “Ci siamo svegliati e abbiamo letto vari articoli che davano enfasi agli atti vandalici e sminuivano il resto della manifestazione”, spiega. “Ero presente ieri alla manifestazione e ho visto un bellissimo spirito pacifico, amorevole e pieno di iniziativa. Ho trovato un po’ fasullo presentare la giornata di ieri in maniera così strumentalizzata. Ieri”, prosegue, “c’erano migliaia di persone alla manifestazione. Dalle calligrafie e dai colori utilizzati per le scritte si capisce però che era opera di un paio di persone, una percentuale assurdamente piccola dei presenti. Ho già visto carnevali dove ad esempio venivano ribaltati i gabinetti o si rendeva necessario l’intervento di un’ambulanza", conclude Andres. “In questi casi però non se ne dà una lettura politica”.