In Europa è avvenuto il "sorpasso"

In Europa è avvenuto il "sorpasso"

Luglio 25, 2020 - 14:47
Posted in:

Stando ad un rapporto di Ember per la prima volta nell'Ue la produzione di elettricità con fonti rinnnovabili ha superato quelle fossili. 

È avvenuto “il sorpasso”, perlomeno in Europa (o meglio, nei 27 Paesi dell’Unione europea). In questi paesi oggi le fonti rinnovabili generano più elettricità di quelle fossili. A dirlo è un reparto del Think tank londinese Ember, secondo cui l’insieme di eolico, solare, idroelettrico, biomasse e biocarburanti ha prodotto il 40% dell’elettricità nella prima metà dell’anno, superando per la prima volta gas e carbone, al 34% (anche se nel restante vi è il nucleare, non proprio una "manna" per l'ambiente).

In particolare il carbone ha conosciuto un vero e proprio crollo, calando del 32%. In gran parte ciò è conseguenza della scelta di campo fatta dalla Germania, che ha deciso di liberarsi progressivamente dell’energia elettrica derivante dal carbone (qualche tempo dopo che i “geni” nostrani decisero di investire nella centrale a carbone di Lünen, per cui i conti dell’Aet ancora ringraziano).

Come spiega il Sole 24 Ore, il carbone “ha generato solo il 12% dell’elettricità dell’Unione europea nella prima metà del 2020 e la sua quota di mercato si è dimezzata dal 2016. Il suo utilizzo è sceso in tutti i 27 Paesi Ue”. Spicca anche il dato del Portogallo, con un -95% dovuto alla chiusura di due centrali a carbone.

Sul carbone resta indietro la Polonia, non intenzionata ad abbandonarlo e che oggi produce più elettricità da carbone di tutti gli altri Paesi messi assieme.