Fed: tassi d’interesse, cambia tutto?

Fed: tassi d’interesse, cambia tutto?

Giugno 04, 2019 - 17:15
Posted in:

La Fed sta valutando un possibile taglio dei tassi di interesse. Le banche dicono che avverrà già quest'anno.

Se fino a qualche tempo fa poteva sembrare in preparazione da parte della Federal reserve statunitense un aumento dei tassi di interesse, ora l’ipotesi che sembra emergere è quella di un possibile taglio (mossa fortemente auspicata da Trump). A spezzare una lancia a favore dell’abbassamento dei tassi è stato il presidente della Federal Reserve di St. Louis, James Bullard, che ha detto che questa mossa potrebbe rendersi necessaria a fronte dei rischi per l’economia rappresentanti dalle tensioni commerciali globali e dall’inflazione debole negli USA. Bullard ha spiegato che le tensioni sui dazi con la Cina e quelle più recenti con il Messico hanno portato a “un ambiente di elevata incertezza che potrebbe riflettersi sull’economia Usa”. La Fed si troverebbe quindi a fare i conti con “un’economia che dovrebbe crescere più lentamente con il rischio che il rallentamento potrebbe essere più netto del previsto a causa dell’incertezza del regime commerciale in corso”, spiga Bullard.
Oggi il presidente della Fed Jerome Powell ha aperto a questa ipotesi. 'Non sappiamo come e quando'', ha detto Powell.  Sulle tensioni commerciali, ha detto Powell, ''monitoriamo da vicino le implicazioni che questi sviluppi" e "agiremo in modo appropriato per sostenere l'espansione''. Tuttavia ha evidenziato che l'economia americana continua a crescere e l'inflazione è stabile.
Ma anche le grandi banche si starebbero già preparando allo scenario di abbassamento dei tassi, con il primo taglio che potrebbe avvenire già a settembre. Il capo economista di Barlays Michael Gapen ad esempio ha dichiarato che “le condizioni economiche degli Stati Uniti sono peggiorate e ora ci aspettiamo che la Fed riduca il tasso ufficiale di 75 punti base, iniziando con un taglio di 50 punti base a settembre”. Sulla stessa scia sono i rapporti di JP Morgan.