Per fermare il declino, il Plrt "resuscita" i gruppi di lavoro

Per fermare il declino, il Plrt "resuscita" i gruppi di lavoro

Gennaio 28, 2020 - 22:51
Posted in:

Si è svolto questa sera a Lugano il comitato cantonale del Plrt. In vista del congresso previsto per il prossimo giugno il partito andrà avanti con dei gruppi di lavoro permanenti per accompagnare l'attività del gruppo parlamentare e un "gruppo di accompagnamento" per l'Ufficio presidenziale. Netta maggioranza a favore dell'aeroporto. 

Dopo il comitato cantonale dello scorso novembre, in cui i liberali radicali si sono riuniti subito dopo la storica sconfitta delle scorse federali (percentuali ai minimi storici e perdita del seggio in Consiglio degli Stati da sempre detenuto), oggi il Plrt si è trovato per delineare il possibile rilancio del partito, sulla scia delle proposte fatte dall’Ufficio presidenziale nel precedente appuntamento del “parlamentino” Plr. 
 
Come esposto dal presidente del Plrt Bixio Caprara alla sala conferenze dell'autosilo dell'Ospedale italiano il “progetto di rilancio Plrt” prevede fra le altre cose un sondaggio per “tastare il polso” alla base, un’analisi della comunicazione, giornate di approfondimento tematiche. Le proposte più “corpose” sono però quelle di un gruppo di accompagnamento all’Ufficio presidenziale e della costituzione di gruppi di lavoro permanenti che affianchino il gruppo parlamentare in Gran Consiglio, suddivisi in base alle varie commissioni parlamentari. Dei gruppi aperti al territorio, ai cittadini e alle organizzazioni di aerea. Per la verità questa non si tratta di una vera e propria novità, visto che i gruppi di lavoro erano attivi fino alla passata presidenza del Plrt di Rocco Cattaneo. 
 
La “nuova” modalità di gestione del Plrt entra in vigore fin da subito e gli esiti saranno esposti in un rapporto al prossimo congresso, previsto per giugno 2020 (e che dovrà eleggere la nuova presidenza Plrt). 
 
La discussione sulla relazione del presidente Caprara è stata piuttosto breve. Fra gli interventi quello di Gerardo Rigozzi, che ha evidenziato come il lavoro istituzionale del Plrt sia stato buono, “a parte il pasticcio della scuola (che verrà, ndr)”. Quello che è mancato al Plr, secondo Rigozzi, sono invece “gli ideali liberali e un’idea di società”, da contrapporre a quella “statalista” della sinistra e a quella “primanostrista” della destra. 
 
Dopo la presentazione della posizione del Plrt sulle votazione in vista del prossimo 9 febbraio, si è svolto un dibattito incentrato sulla votazione sul finanziamento di Lugano Airport, prevista dopo la riuscita del referendum per il prossimo 26 aprile. A dibattere la capogruppo liberale radicale in Consiglio comunale Karin Valenzano con la granconsigliera socialista Anna Biscossa. Dalla sala diversi interventi si sono poi susseguiti. A prendere la parola sono stati fra gli altri il consigliere comunale locarnese Gianbeato Vetterli, che ha mosso diverse critiche alla gestione dello scalo da parte della politica e della dirigenza di Lasa. In conclusione è intervenuta la granconsigliera Plr Roberta Passardi, presidente di AvioTicino (associazione in supporto dell'aeroporto che ha promosso la petizione in difesa dello scalo). Il voto della sala è stato a larghissima maggioranza a favore del finanziamento dello scalo. 
 
 
Il comitato cantonale del Plr ha visto anche qualche momento di preoccupazione per il già candidato al Gran Consiglio, storico militante del Plr, Silvano Giannini, che ha avuto un malore durante la riunione. A Silvano "Sigi" Giannini auguriamo di rimettersi al più presto.