Fmi: Italia osservata speciale nel 2019

Fmi: Italia osservata speciale nel 2019

Gennaio 21, 2019 - 14:40
Posted in:

L'Fmi rivede al ribasso le stime di crescita del PIL nel 2019. Italia e Germania fra i motivi della 'frenata'.

Brutte notizie per l'Italia dal Fondo monetario internazionale (Fmi). La direttrice dell'Fmi Christine Lagarde ha presentato oggi a Davos, alla vigilia del World Economic Forum, le stime sulla crescita del PIL mondiale. Confermato la crescita per il 2018 a +3,7%, mentre, e qui arriva il punto dolente, per il 2019 le stime di crescita sono state ridotte di 0,2 punti percentuali a +3,5% e quelle per il 2020 di 0,1% a +3,6% rispetto alle previsioni dell’ottobre scorso.

Fra i fattori determinanti nel rallentamento l'Fmi ha individuato la situazione economica di Germania e Italia. Per la prima l'Fmi stima per il 2019 un calo di 0,6 punti percentuali di crescita rispetto alle stime di ottobre a +1,3%. Per quanto riguarda l'Italia nel 2019 le stime sono state riviste al ribasso del 0,4% a +0,6%. A preoccupare per la tenuta della vicina Penisola è il dato della crescita in relazione alla situazione dell'indebitamento e delle banche e del m mercato interno, “dove i timori riguardanti i rischi sovrani e finanziari hanno impattato sulla domanda interna”, oltre a  “più alti costi di indebitamento, in quanto i tassi sul debito sovrano restano elevati anche se sotto i picchi dell'ottobre scorso”. L'Fmi imputa anche alle tensioni sulla legge di bilancio italiana il calo dei mercati azionari nella seconda metà del 2018. Inoltre “un protratto periodo di tassi sovrani elevati metterebbe sotto ulteriore stress le banche italiane, pesando sull'attività economica e peggiorando le dinamiche del debito”.