Fmi. Quando arriverà la crisi le banche centrali rischiano di non avere più “munizioni”

Fmi. Quando arriverà la crisi le banche centrali rischiano di non avere più “munizioni”

Ottobre 16, 2019 - 10:49
Posted in:

Nel suo World Economic Outlook l’Fmi taglia le stime di crescita per il 2019 e il 2020. Per il Fondo monetario internazionale le banche centrali stanno usando i loro strumenti per combattere gli effetti dei dazi Usa-Cina, ma rischiano di esaurire il loro “arsenale” quando arriverà una recessione.

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) taglia le previsioni di crescita mondiale, mentre le banche centrali combattono l'impatto del protezionismo. L’Fmi avverte che le banche centrali del mondo stanno sprecando le scarse “munizioni” a loro disposizione nel tentativo di compensare gli errori politici che hanno lasciato l'economia globale al suo punto più debole dalla profonda recessione di un decennio fa.
 
L’Fmi nel suo World Economic Outlook (WEO) semestrale ha ridotto le previsioni di crescita sia nel 2019 che nel 2020, aggiungendo che gli stimoli forniti dalle banche centrali attenuerebbero i danni causati dal protezionismo. L’Fmi ha dichiarato che prevede una crescita globale del 3% nel 2019,  in calo rispetto al 3,6% dello scorso anno e un taglio di 0,3 punti percentuali rispetto alla previsione di aprile.
 
La crescita del 3,4% prevista per l'anno prossimo rappresentava un declassamento rispetto al 3,6% di sei mesi fa. Una crescita più rapida nel 2020, secondo l’Fmi, dipenderà dalla migliore performance di alcuni paesi emergenti in difficoltà, come l'Argentina e la Turchia.
 
Gita Gopinath, consigliere economico del Fmi, spiega che senza i tagli dei tassi di interesse annunciati dalle banche centrali negli ultimi mesi la sua previsione di crescita sarebbe inferiore di 0,5 punti sia nel 2019 che nel 2020. Inoltre la spinta alla crescita derivante dallo stimolo delle banche centrali "ha contribuito a compensare l'impatto negativo" del conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina. "Con le banche centrali costrette a spendere un numero limitato di munizioni per compensare gli errori politici, potrebbe essere rimasto poco quando l'economia sarà in un punto più difficile", ha spiegato Gopinath nella prefazione del documento.