Giornataccia per Twitter. Si "espande" la mascherina obbligatoria.

Giornataccia per Twitter. Si "espande" la mascherina obbligatoria.

Luglio 16, 2020 - 16:10
Posted in:

Giovedì 16 luglio. Nella notte Twitter ha subito un grave attacco informatico, che ha permesso agli autori di prendere il controllo degli account di diverse persone e aziende note in tutto il mondo. Fra gli account colpiti quelli di Elon Musk, Jeff Bezos, Bill Gates, Kanye West, l’ex presidente statunitense Barack Obama e il candidato dei democratici alle prossime elezioni presidenziali, Joe Biden e account di aziende come Apple e Uber. Tutti gli account presi di mira hanno pubblicato un messaggio simile, in cui chiedevano di versare bitcoin a un conto e in cambio ne avrebbero ricevuti il doppio. Stando a quanto riferisce la stampa statunitense centinaia di persone sarebbero effettivamente cadute nella truffa e sui conti indicati dagli hacker sarebbero giunti centiaia di miliaia di dollari. Stando a quanto riferito da Twitter gli hacker avrebbero avuto accesso alla piattaforma prendendo di mira dei dipendenti dell’azienda, attraverso i quali avrebbero ottenuto l’accesso al sistema di gestione interno. "È una giornataccia per noi qui a Twitter", ha detto il ceo di Twitter Jack Dorsey. "Stiamo tutti malissimo per quanto accaduto. Stiamo cercando di capire di più e condivideremo tutto quello che sapremo quando avremo un quadro più completo". 

Oggi in Ticino il Consiglio di Stato ha comunicato l’estensione dell’obbligo di mascherina (fino ad ora vigente sui mezzi pubblici) anche agli addetti del settore della ristorazione a contatto con i clienti, a partire dal 20 luglio.

Il Dipartimento educazione cultura e sport (Decs) ha invece fornito alcune informazioni inerente il ritorno delle scuole in autunno. Sul tavolo vi sono tre scenari (scuola in presenza, scuola ibrida e scuola a distanza). Per quale degli scenari si opterà verrà comunicato entro il 10 agosto. Al di là di questo l’utilizzo delle mascherine non sarà obbligatorio per gli allievi, mentre per i docenti sarà facoltativo nelle aule scolastiche, mentre sarà obbligatorio negli spazi condivisi.