"I giovani non vogliono comprensione, ma aperture immediate!"

"I giovani non vogliono comprensione, ma aperture immediate!"

Aprile 09, 2021 - 12:38
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa dei Giovani-UDC Ticino. 

Da tutte le parti ci sono ora parole di rimprovero contro i giovani che sono stufi delle chiusure e hanno portato il loro disappunto nelle strade. In realtà ci sono voci che cercano di relativizzare la sofferenza dei giovani e addirittura li denunciano come egoisti. Che beffa. Parlano di "comprensione", solo per condannare gli eventi nei termini più forti possibili nella stessa frase. In ogni caso, questo non ha niente a che vedere con la "comprensione". Inoltre, il comportamento dei giovani è sicuramente "egoista", ma anche un po’ umano. Dopo tutto, i giovani non sono tra le fasce a rischio dal coronavirus, eppure la loro libertà è pesantemente limitata, i contatti sociali importanti sono resi impossibili, l'istruzione è resa più difficile, le prospettive di carriera sono distrutte e i debiti si accumulano. Non siamo sorpresi dagli incidenti di San Gallo. Quello che è successo a San Gallo è purtroppo la logica conseguenza di una politica sul coronavirus completamente fallita. Condanniamo ogni forma di violenza, ma ora occorre fare in modo che questi disordini non si ripetano. La colpa di quello che è successo non è unicamente dei giovani ma anche e soprattutto dei politici che, in particolare, non hanno preso sul serio le preoccupazioni dei giovani per troppo tempo e continuano a rifiutarsi di fare anche un piccolo passo verso di noi. Le misure del governo sono ingiuste e insensate per i giovani e devono essere abrogate immediatamente. Il Consiglio Federale dovrebbe attivarsi con più coerenza e attenzione per proteggere le fasce anziane a rischio, invece che rinchiudere in casa un’intera nazione.

I partiti giovanili di centro-sinistra hanno tentato questa settimana, per mezzo di una lettera aperta, uno scambio con la Camera alta del Parlamento. I Giovani UDC non sono tra i firmatari. Durante le discussioni sul contenuto di questa lettera, è stato subito chiaro che i partiti giovanili di centro-sinistra, dopo un anno di chiusure, non volevano neppure lontanamente nominare un solo passo significativo di allentamento. Così questa non è una lettera dal punto di vista dei giovani, ma una lettera che è diretta contro le preoccupazioni centrali dei giovani. I ragazzi non vogliono psicologi, rivogliono finalmente la loro libertà e la loro vita sociale. Questo è anche dimostrato in modo impressionante dal sondaggio di marzo dell'istituto di ricerca d'opinione Sotomo:

- Il 70% dei giovani teme restrizioni alla propria libertà;

- Il 64% dei giovani teme l'isolamento sociale;

- Il 57% dei giovani è a favore di misure economiche meno restrittive.

La lettera degenera così in un'ipocrita autodrammatizzazione dei partiti giovanili di sinistra, senza alcun beneficio per i giovani.

Mettere rappresentanti dei giovani nella task force Covid è un approccio sbagliato. Se si presume che la Task Force Covid determini da sola il destino di tutti noi e sia l'autorità assoluta, allora sarebbe giusto prendervi posto. Ma questo è un approccio centralista, con una politica fatta dall'alto verso il basso. Questo è poco svizzero. La Task Force Covid consiglia il Consiglio Federale su questioni scientifiche. Né più né meno. Questo corpo non dovrebbe avere diritto a un peso maggiore. Per esercitare un'influenza, basterebbe che il Consiglio federale prendesse finalmente sul serio la voce dei cantoni, delle associazioni, dei rappresentanti dei giovani ecc. Questo sarebbe

il metodo svizzero. Ma i partiti giovanili di centro-sinistra sembrano davvero voler fare politica dall'alto, insieme alla forse troppo influente task force Covid.

Quotes del presidente Diego Baratti:

“I giovani non vogliono sentire il blaterare dei politici ora, ma aperture immediate. I ragazzi non vogliono essere severamente condannati dai politici per San Gallo, né vogliono che venga espressa "comprensione" per la loro situazione, né vogliono essere lodati per la loro solidarietà dell'anno scorso. Questo è tutto un puro discorso politico da teatrino. La situazione dei giovani non è affatto migliorata in questo discorso. L'unica cosa che interessa ai giovani è se possono incontrarsi di nuovo normalmente, se possono uscire di nuovo, trovare sicurezze per la loro carriera lavorativa, e se possono continuare la loro educazione normalmente. I ragazzi desiderano la libertà, i contatti sociali e vogliono che l'isolamento finisca. I politici dovrebbero finalmente prendere sul serio le necessità dei giovani e smetterla con l'inutile autoprofilazione. Ancora e ancora si parla di "prospettive". Le prospettive reali offerte, tuttavia, sono limitate allo status quo. Se i giovani saranno fortunati, avranno qualche psicologo gratuito che li aiuterà. Questo è una presa in giro e testimonia la crescente alienazione dalla realtà della classe-politique nella gestione delle crisi. Il nostro appello ai politici: "Prendete sul serio i giovani adesso e lasciateli gradualmente tornare a vivere normalmente". Tuttavia, questo vale anche per tutti gli altri gruppi di età non a rischio.”