Il Caffè: "gli errori di Beltraminelli secondo la Commissione parlamentare d'inchiesta"

Il Caffè: "gli errori di Beltraminelli secondo la Commissione parlamentare d'inchiesta"

Gennaio 13, 2019 - 01:43
Posted in:

Il Caffè nella sua edizione odierna riferisce di alcune delle conclusioni a cui è giunta la commissione parlamentare di inchiesta sul caso Argo 1 sull'operato del ministro Ppd Paolo Beltraminelli.

Troppa fiducia nei suoi funzionari e l'aver sottovalutato il problema della gestione dei centri richiedenti l'asilo. Sarebbero queste in sostanza le responsabilità che la commissione parlamentare di inchiesta sul caso Argo 1 imputerebbe al direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss), il consigliere di Stato Ppd Paolo Beltraminelli, stando a quanto riferisce oggi il domenicale Il Caffè in un articolo di Andrea Stern. Il ministro, secondo la Commissione, avrebbe peccato di una "fiducia incondizionata nei confronti dei propri funzionari", funzionari che, scrive Il Caffè nell'odierno articolo, non gli avrebbero riportato informazioni o dettagli importanti inerenti la gestione dei centri asilanti, e in particolare in merito alla società di sicurezza Argo1, subentrata a Rainbow nell’estate 2014. A fare le spese di ciò la comunicazione del ministro verso il Consiglio di Stato, che avrebbe dovuto essere conivolto maggiormente nelle decisioni, si legge sul domenicale. "Probabilmente", secondo i commissari, l'intento di Beltraminelli non era quello di nascondere qualcosa, ma semplicemente ritenne di potersi fidare dei suoi collaboratori, "che, come abbiamo visto, non sono stati all’altezza della situazione".
Sempre la commissione, scrive Il Caffè, individuerebbe un altro errore nell'operato di Beltraminelli nell'aver sottovalutato il problema della gestione degli asilanti, problema che avrebbe dovuto, per la sua complessità, essere affrontato con un controllo più efficace e a livello di governo.