Il fallimento dell'identità elettronica e l'amministrazione digitale che "non è mai decollata"

Il fallimento dell'identità elettronica e l'amministrazione digitale che "non è mai decollata"

Maggio 10, 2021 - 12:26
Posted in:

L’ex consigliera federale Ppd si è espressa in un’intervista sul tema delle sfide e dei pericoli della digitalizzazione.

Mondo digitale, protezione dei dati e paletti dello Stato alle aziende. L’ex consigliera federale Ppd Doris Leuthard ne ha parlato in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung, in cui affrontata in generale il tema della digitalizzazione. Anche all’interno dell’amministrazione federale, in merito a cui, ha detto, non è sorpresa dei disguidi informatici presso l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). 

L’intervista si concentra però in particolare sull’etichetta di qualità per i prodotti digitali che sta promuovendo Swiss Digital Initiative, che Leuthard attualmente presiede. Si tratta di un certificato volontario per le aziende che permette agli utenti di conoscere la qualità del prodotto digitale in base a vari criteri, dalla protezione dei dati alla sicurezza. 

L’ex consigliera federale si esprime anche sulla recente votazione sull’identità elettronica, bocciata dal popolo, secondo Leuthard un monito sul ruolo che la cittadinanza chiede allo Stato (uno dei punti più criticati del progetto era infatti la delega ai privati dell'identità digitale). Secondo l’ex consigliera federale, in tema di regolamentazione delle aziende tecnologiche, non vanno bene né l’approccio statalista cinese né quello acritico nei confronti delle “big tech” della Silicon Valley, ma la via di mezzo europea. Lei era favorevole al progetto di identità elettronica, avviato sotto la sua conduzione del DATEC (Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, energia e comunicazioni), e senza di esso vede ora un ritardo della Svizzera in questo settore. Imputa questo fallimento nelle urne principalmente ad errori nella comunicazione. 

In merito alle problematiche dell’Ufsp, ha dichiarato, “l'amministrazione digitale non è mai veramente decollata. Ci sono sì uffici con una buona informatica, ma altri faticano". Anche nel rapporto con i Cantoni nel settore digitale vi sono dei problemi.