Il "Festival" amaro di Walter

Il "Festival" amaro di Walter

Il "Festival" amaro di Walter

Gennaio 06, 2020 - 23:27
Posted in:

Abbiamo iniziato questo lungo periodo natalizio con uno spezzone di "Regalo di Natale" (vedi qui), di Pupi Avati, film che portò alla consacrazione del regista emiliano e di un Diego Abatantuono per la prima volta in versione drammatica, che gli ha permesso di reinventare la propria carriera, portandolo qualche anno dopo a recitare nel film Premio Oscar "Mediterraneo" di Gabriele Salvatores. 
 
"Regalo di Natale" è anche il film che ha fatto vincere la prestigiosa Coppa Volpi, al Festival del Cinema di Venezia, a Carlo Delle Piane, che in quell'edizione, nel 1986, si aggiudicò il premio per il miglior interprete maschile a scapito di un eccezionale e rinato, artisticamente, Walter Chiari, che interpretava il protagonista nel film "Romance". 
 
Purtroppo da li a poco Chiari morì prematuramente. Pupi Avati di fatto in questo film, "Festival", racconta di un attore che dopo tanti anni di grigiore torna alla ribalta proprio partecipando al Festival di Venezia. È lapalissiano il riferimento a Walter Chiari (che in "Festival" viene interpretato da Massimo Boldi) e il regista bolognese, dieci anni dopo, nel 1996, proprio con "Festival", chiede "scusa" al defunto Walter Chiari, per avergli "soffiato" la Coppa Volpi, dimostrando una sensibilità, un'umiltà e un tatto poco presenti nello "star system". Il film fa vedere un Massimo Boldi (Walter Chiari) che al Lido di Venezia di fatto si aspetta l'assegnazione del premio, che invece verrà dato a un giovane Toto Cascio, protagonista di "Nuovo Cinema Paradiso", primo grande successo di Giuseppe Tornatore (che veramente vinse Venezia, ma nel 1989, non nel 1986, quando "Romance" con Walter Chiari era in concorso). 
 
Pupi Avati in questo "Festival" racconta meglio di chiunque altro di come la rinascita artistica di un grande mattatore, che per tutta la sua carriera è stato molto sfortunato, anche nel suo momento di consacrazione può essere dolorosa. 
 
Buona visione.