Il futuro dell’e-banking? Una ricerca per comprendere i bisogni della popolazione

Il futuro dell’e-banking? Una ricerca per comprendere i bisogni della popolazione

Ottobre 26, 2020 - 23:02
Posted in:

L’e-banking e i pagamenti digitali hanno conosciuto una forte crescita, accelerata dalla pandemia. Una ricerca degli studenti dell’Università di San Gallo vuole capire ora quali sono le esigenze degli utenti per delineare la strategia da adottare per le banche.

L’e-banking e i servizi digitali di pagamento sono entrati nella quotidianità di molte persone. Ancora di più oggi, con la pandemia di covid, e le misure conseguenti, la tendenza a ricorrere a mezzi digitali di pagamento e interazione con le banche sembra destinata a crescere. Un recente studio condotto da Deloitte, riguardante la Svizzera, ha ad esempio messo in evidenza come durante la pandemia il 20% dei clienti del retail banking ha utilizzato almeno un servizio online per la prima volta. Di questo 20% la maggior parte dice di voler continuare ad utilizzare il servizio online anche superata la crisi. 

Per il settore bancario, dunque, conoscere le necessità dei clienti verso l’e-banking e i servizi di pagamento digitali risulta essere determinante per configurare il consolidamento e l’estensione di questi strumenti digitali. 

Dall’esigenza di conoscere le esigenze della popolazione nasce un progetto di ricerca condotto da alcuni studenti del bachelor in economia dell’Università di San Gallo, che si prefigge di indagare l’attuale rapporto degli utenti con l’e-banking e i servizi di pagamento digitali e come meglio configurare l’offerta alla clientela, attuale e futura. 

“Io ed il mio gruppo stiamo effettuando una ricerca di mercato per comprendere le abitudini della popolazione svizzera (divisa in diverse categoria di età e professione) relative all'utilizzo di sistemi di E-Banking e Servizi digitali di pagamento”, ci spiega Simone Conti, uno degli studenti attivi in questa ricerca. “All'università di San Gallo la tesi di bachelor è suddivisa in modo particolare in confronto ad altre università, infatti gli studenti devono completare una tesi individuale scritta del valore di 12 crediti ed un progetto integrativo "Capstone Project" di gruppo dal valore di 8 crediti”, ci spiega Conti. “La ricerca verrà presentata al quartiere generale di UBS, COVID permettendo, una volta che un numero considerevole di dati saranno raccolti ed analizzati ed il team indirizzerà una strategia per le banche per meglio comprendere e adeguarsi ai bisogni della popolazione”.

La raccolta dei dati per la ricerca avviene tramite un apposito formulario, che sonda l’utilizzo, le criticità e le aspettative degli utenti dei servizi di e-banking e di pagamento digitale. Esso interroga da un lato sull’utilizzo dei servizi e-banking, ma sonda anche l’interesse verso possibili futuri sviluppi delle piattaforme di e-banking, dall’integrazione di servizi in ambito di tassazione e fiscalità, alle consulenze immobiliari, fino a servizi educativi per studenti...

Un questionario che è compilabile in breve tempo sulla piattaforma TypeForm ed accessibile al seguente link: https://capstoneproject.typeform.com/to/tGeWKTxd.