Il Ps vuole mettere nuovi "paletti" alle pensioni dei ministri

Il Ps vuole mettere nuovi "paletti" alle pensioni dei ministri

Gennaio 07, 2019 - 20:56
Posted in:

I socialisti vogliono lanciare un'iniziativa per regolare il conferimento della pensione ai consiglieri di Stato.

Il comitato cantonale dei socialisti, riuniti questa sera a Bellinzona, vede quale tema forte all’ordine del giorno la decisione sull’adesione o meno al messaggio del Consiglio di Stato inerente il nuovo stabilimento delle Officine. Un tema soprattutto a sinistra centrale e che dopo l'unità a sostegno dello sciopero del 2008 vede ora la sinistra divisa sul futuro delle Officine.
Ma prima di addentrarsi nel merito di questo tema il Ps Ticino si è confrontato con un altro tema che ha fatto discutere nello scorso anno. Quello delle pensioni dei consiglieri di Stato. Il comitato socialista ha infatti accolto la proposta, presentata dal capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch, di lanciare un'iniziativa per fare chiarezza sull’attuale prassi di conferimento dei benefici pensionistici ai ministri uscenti, che, come noto, hanno dato luogo a forti dubbi sulla conformità della loro modalità di conferimento.
I socialisti hanno così deciso di presentare un’iniziativa che chiede in sostanza di assoggettare i consiglieri di Stato alla Cassa pensioni del Cantone, con delle indennità speciali di uscita da corrispondere a fine mandato.
La proposta, approvata a larghissima maggioranza dal comitato, ha visto anche il sostegno di massima di un diretto interessato, vale a dire il consigliere di Stato socialista Manuele Bertoli, che tramite una lettera ha fatto sapere al comitato il suo parere.