Italia: Renzi apre la crisi di governo

Italia: Renzi apre la crisi di governo

Gennaio 13, 2021 - 21:09
Posted in:

L'ex premier ha annunciato il ritiro dei ministri di Italia viva dal Governo, aprendo la crisi. Ma dice "no a nuove elezioni". A chiedere il voto sono invece Salvini e Meloni. 

In Italia si apre la crisi di Governo. L’ex premier democratico Matteo Renzi, con il suo attuale partito Italia viva, in una conferenza stampa odierna ha annunciato il ritiro dall’Esecutivo guidato dal premier Giuseppe Conte delle ministre di Italia viva Teresa Bellanova ed Elena Bonetti. L’annuncio ha fatto seguito alle parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarela, intervenuto invece per chiedere che non perdurasse il clima di incertezza in corrispondenza della pandemia. Appello a quanto pare caduto nel vuoto.

“La crisi è aperta da mesi, serve rispetto per le regole democratiche: abbiamo chiesto di risolvere problemi, non un reality show”, ha detto Renzi. “La democrazia ha delle forme e se le forme non vengono rispettate, allora qualcuno deve avere il coraggio anche per gli altri per dire che il Re è nudo”. “Non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri”, ha detto. “Questo significa che l’abitudine di governare con i decreti legge che si trasformano in altri decreti legge, l’utilizzo dei messaggi a reti unificate, la spettacolarizzazione della liberazione dei nostri connazionali, rappresentano per noi un vulnus alle regole del gioco”. In merito a un ritorno alle urne, ha detto tuttavia Renzi, “non si vota ora, si vota nel 2023”, lasciando aperta la porta a un nuovo patto di governo.  “Ho messo un solo paletto: no ribaltoni e no alla destra sovranista e antieuropeista”, ha detto Renzi. “Poi si è pronti a discutere di tutto: un governo con la stessa maggioranza, un governo tecnico oppure andare all’opposizione. Non ci interessa il nostro destino ma quello del Paese”.

Dal Movimento 5 Stelle, principale “azionista” del governo Conte, il capo politico Vito Crimi ha commentato su Twitter: “Mentre il Paese affronta con fatica, impegno e sacrificio la più grave crisi sanitaria, sociale ed economica della storia recente, Renzi sceglie di ritirare la propria delegazione di ministri”. “Credo che nessuno abbia compreso le ragioni di questa scelta. Ma ora è il momento della responsabilità, non dei personalismi”, ha scritto. 

L’annuncio di Renzi è stato accolto con forti critiche anche da parte del presidente del Partito democratico Nicola Zingaretti, alleato di governo del Movimento 5 Stelle. “Quello di Italia viva è un errore gravissimo, contro l’Italia”, ha detto Zingaretti. “La crisi frena il processo di ricostruzione dell’Italia nel momento in cui il virus fa 500 morti in un giorno”.

Dalla destra è invece giunta la richiesta di andare ad elezioni, chieste sia dal leader della Lega Matteo Salvini che dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.