La capitale premia i suoi migliori. Zali ai bellinzonesi: "tenetevi stretto Branda"

La capitale premia i suoi migliori. Zali ai bellinzonesi: "tenetevi stretto Branda"

Dicembre 24, 2018 - 06:50
Posted in:

Bellinzona premia le sue eccellenze. Quest'anno i premi vanno allo scirttore Gionata Bernasconi, all'Acb, a "Kubi" e all'architetto Luigi Snozzi.

Quest'anno i riconoscimenti conferiti da Bellinzona sono andati, per quanto riguarda il premio al merito culturale, a Gionata Bernasconi, scrittore scrittore per bambini e ragazzi, con un occhio attento alla satira sociale. I suoi libri, pubblicati in italiano da Einaudi, sono stati tradotti in tedesco, inglese, cinese, turco, … , come detto dal municipale di Bellinzona Roberto Malacrida nel conferire il premio.
Il premio per lo sportivo dell’anno, consegnato dal municipale Mauro Minotti, è invece andato alla squadra di casa, l’Acb, che dopo i momenti drammatici del suo fallimento, negli ultimi anni è riuscita a rinascere, conquistando tre promozioni. Il presidente dell’ABC Paolo Righetti, prendendo la parola, ha voluto dedicare il premio a Corrado Barenco, già addetto stampa della squadra, recentemente scomparso.
Il premio al merito sportivo, consegnato dal municipale Giorgio Soldini, è stato invece conferito a Kubilay Türkyilmaz, per la sua grande carriera calcistica, iniziata proprio in quel di Bellinzona.
Infine a salire sul palco è stato l’architetto Luigi Snozzi, premiato per il suo apprezzato lavoro in ambito architettonico e urbanistico. A consegnare il premio il sindaco Mario Branda.
Ma la fine dell’anno è, si sa, è anche l’occasione per tirare bilanci e enunciare i propositi per l’anno futuro, o per usare le parole del sindaco Branda, “per riflettere su cosa si è fatto e su cosa non si è potuto o voluto fare”. Come da tradizione ad anticipare la premiazione sono stati i discorsi delle autorità. A intervenire sono stati il sindaco di Bellinzona Mario Branda, il presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali e il presidente del consiglio comunale di Bellinzona Andrea Bordoli. Il sindaco della Turrita nel suo intervento ha parlato degli importanti progetti che si delineano all’orizzonte per la capitale cantonale, uno su tutti quello, controverso, delle Nuove Officine. Il sindaco nel suo intervento ha nuovamente difeso l’accordo raggiunto fra Cantone, Fss e Città, che prevede  una nuova Officina a Castione. “Mettere in discussione questo accordo”, ha detto Branda, “è un salto nel buio”. Dal consigliere di Stato Zali è invece giunta una accalorata attestazione di stima per l’ottima collaborazione fra il Cantone e la Città, e in particolare con il sindaco Branda, verso cui, ricordando il comune passato in magistratura, ha espresso la sua stima. “Tenetevelo stretto”, è stato l’invito di Zali rivolto ai bellinzonesi.