La Cina punta a "mandare in pensione" il dollaro?

La Cina punta a "mandare in pensione" il dollaro?

Agosto 01, 2020 - 16:21
Posted in:

Da diversi anni la Cina utilizza sempre meno il dollaro nelle sue transazioni internazionali. Ora dalla Bank of China giunge un'indicazione precisa sugli scenari che si aprono. 

A lanciare il monito è stata la Goldman Sachs in un report presentato due giorni or sono: il ruolo del dollaro come valuta benchmark e di riserva globale appare sempre più a rischio.

La seconda economia mondiale, la Cina, sembra essere intenzionata a portare avanti una politica di “de-dollarizzazione” sempre più spinta. Business Insider Italia in un articolo sriferisce di un report dell’unità di investment banking di Bank of China, la banca centrale del Dragone, in cui si invitano le banche cinesi a prepararsi a sempre più probabili sanzioni Usa di natura finanziaria e quindi sganciarsi dal sistema di pagamento internazionale Swift basato sul dollaro, in una sorta di preparativo per una Guerra Fredda 2.0 combattuta anche sul fronte della finanza. “Un pugno ben assestato al tuo nemico, ti proteggerà da centinaia di pugni da parte dei tuoi nemici. Dobbiamo essere preparati in anticipo, mentalmente e praticamente“, si legge nel rapporto della Bank of China, come riferisce Business Insider.

In realtà, spiega l’articolo, è già da alcuni anni che la Cina sta operando una politica di de-dollarizzazione. L’utilizzo del dollaro quale moneta per le transazioni cross-border è passato dall’oltre 80% nel 2011 a sotto il 60% nel 2020. Parallelamente l’utilizzo di yuan nello stesso periodo è passato dal 10 al 40%.

Anche alla luce di questi dati possono essere lette le ultime mosse della FED, che appunto due giorni fa ha ribadito il suo “a qualsiasi costo” . “Per questo Jerome Powell ha posto particolare attenzione e accento sull’allungamento dei tempi relativi alle swap lines con altre 8 Banche centrali al mondo per garantire finanziamento pressoché illimitato in dollari?”, si chiede Business Insider. “Ribadire il ruolo di prestatore globale di ultima istanza in biglietti verdi appare quindi una mossa cautelativa?”.