La "pirata" non corre, la nave affonda?

La "pirata" non corre, la nave affonda?

Gennaio 18, 2020 - 22:08

Durante la campagna delle scorse elezioni comunali, in giorni per lei più felici, Sara Beretta Piccoli si vestiva da pirata (era Carnevale) e andava all'arrembaggio di voti leghisti al Capannone di Pregassona, dove la Lega teneva la sua festa. 
 
Nello stesso luogo ieri invece l'assemblea dei popolari democratici ha clamorosamente deciso di escluderla dalla lista per il Municipio. Sara Beretta Piccoli doveva rappresentare per la lista Ppd il nome in grado di andare a "pescare" voti trasversalmente, specialmente a sinistra (vedi qui). Invece non sarà della partita. Alle scorse elezioni per il Gran Consiglio era stata la seconda pipidina più votata a Lugano, dopo Lorenzo Jelmini e quattro anni fa si era posizionata per il Municipio seconda, alle spalle dell'uscente Angelo Jelmini. Molti pipidini, ad iniziare dal presidente Angelo Petralli, ritengono che senza Sara Beretta Piccoli le chances per il Ppd di confermare il suo seggio in Municipio siano poche.
 
Vedremo se l'esclusione della "pirata", che sicuramente ha sempre rappresentato una voce fuori dal coro, oltre che a raccogliere molti consensi, comporterà per il Ppd  anche l'affondamento della "nave"... Lo vedremo il 5 aprile.
 
Salvo clamorose sorprese? Sembra che i giochi non siano ancora del tutto chiusi...
 
 

17 febbraio 2016
 
Sara Beretta Piccoli si sta muovendo in modo particolarmente efficace in questo inizio di campagna elettorale. La presa di posizione sul vertice delle risorse umane della Rsi, la sua iniziativa per offrire i computer dell'amministrazione cittadina alle associazioni luganesi, la posizione controcorrente sul raddoppio del S.Gottardo,... .
La consigliera comunale pipidina sta trovando più tematiche su cui profilarsi e distinguersi da Angelo Jelmini. Non ha paura di essere criticata per essersi presentata alla festa della Lega vestita da pirata. Insomma si fa notare, con garbo. Ora sarà da vedere se tutto ciò si tradurà in una valanga di voti, in grado di superare il "collaudato" Angelo Jelmini. Ma forse per il municipale uscente non è il caso di sottovalutare l'intraprendenza della pirata azzurra.
 
 
**********